Festa a Vedano al Lambro

L’abbraccio a don Giuliano Parravicini durante la Patronale – FOTO

Il nuovo parroco succede a don Eugenio Dalla Libera, trasferito al Duomo di Monza come cappellano delle Suore Sacramentine

L’abbraccio a don Giuliano Parravicini durante la Patronale – FOTO
Monza, 04 Ottobre 2020 ore 12:54

Un grande abbraccio (simbolico, considerate le stringenti misure anti assembramento) per dare il benvenuto al nuovo parroco di Vedano al Lambro in occasione della festa patronale dedicata alla Madonna del Rosario.

L’abbraccio dei parrocchiani

Si è insediato ufficialmente questa mattina, durante la messa delle 11, il nuovo parroco don Giuliano Parravicini. Tutta la comunità di Santo Stefano, infatti, ha dato il suo benvenuto al sacerdote che per i prossimi anni guiderà la parrocchia vedanese.

A fare gli “onori di casa” ci ha pensato il coadiutore don Paolo Confalonieri che ha dato il suo saluto a nome di tutte le associazioni e dei gruppi che rendono viva la comunità.

Quando sono arrivato io era una giornata piovosa e don Eugenio mi accolse con le parole “sacerdote bagnato, sacerdote fortunato”. Oggi invece c’è un bel sole che ti da il suo caloroso benvenuto, questo sarà un bel cammino che faremo tutti insieme.

Oltre ai rappresentanti delle associazioni, erano presenti anche il sindaco Renato Meregalli, il presidente del Consiglio comunale Patrizia Lecchi, assessori e membri del Parlamentino vedanese.

Sarà un cammino che faremo insieme, davvero grazie a tutti per la bella accoglienza nella nostra parrocchia. Un ringraziamento anche a don Eugenio Dalla Libera che comunque resterà per sempre nei nostri cuori.

Con queste parole, rivolte anche al suo predecessore che è stato trasferito nella parrocchia del Duomo di Monza come cappellano delle Suore Sacramentine, don Giuliano ha voluto ringraziare la sua nuova “famiglia” vedanese.

8 foto Sfoglia la gallery

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE DEL GIORNALE DI MONZA

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia