Giovani e cultura

Buoni per l’acquisto di libri agli alunni di Seveso

Con il progetto "Alimenta la mente!" interessa quasi 2mila bambini.

Buoni per l’acquisto di libri agli alunni di Seveso
Politica 19 Dicembre 2020 ore 08:54

Buoni per l’acquisto di libri agli alunni di Seveso. Con il progetto “Alimenta la mente!” interessa quasi 2mila bambini.

Buoni per l’acquisto di libri agli alunni di Seveso

Il distanziamento fisico, la didattica a distanza anziché in presenza, l’isolamento domiciliare hanno ostacolato i bambini nel loro percorso di crescita sociale e culturale. Per cercare di ovviare a questo deficit educativo l’Amministrazione Comunale di Seveso ha deciso di donare un buono nominale di 10 euro per l’acquisto di libri di ogni genere a favore di ciascun alunno frequentante le scuole primarie e secondarie di primo grado pubbliche e paritarie della città e la scuola primaria paritaria San Pietro Martire, ubicata sul territorio di Meda ma contigua a quello di Seveso.

Manifestazione di interesse

L’iniziativa, denominata “Alimenta la mente!”, interesserà dunque 1.959 bambini. Nelle prossime settimane il Comune pubblicherà una manifestazione di interesse, aperta esclusivamente a tutte le librerie, cartolerie ed edicole della città di Seveso, eventualmente disponibili a partecipare al progetto e che abbiano tutte le caratteristiche previste dalla normativa vigente per interagire con la Pubblica Amministrazione.

L’emergenza ha favorito la lettura

“L’emergenza causata dal ‘coronavirus’ – dichiara il sindaco Luca Allievi – ha costretto gli amministratori degli Enti pubblici e i dirigenti scolastici a degli equilibrismi tra la garanzia di sicurezza e di salute e la ricerca di condizioni di ordinario benessere dei bambini e delle bambine, che si legano strettamente a diritti fondamentali come quelli all’incontro sociale fra pari, al gioco e all’educazione, diritti da preservare e valorizzare in tutto l’anno scolastico, nonostante l’oggettiva difficoltà del momento. La riprogettazione delle modalità educative, come ad esempio l’adozione della didattica a distanza, ha necessariamente chiamato gli alunni e le alunne delle scuole a rivedere le proprie modalità di studio, affrontando anche difficoltà specifiche non preventivate, soprattutto grazie al sostegno della rete familiare. La necessaria ‘virtualità’, originata appunto dall’emergenza epidemiologica in corso, ha favorito la riscoperta del valore della lettura e delle possibilità di crescita interiore e intellettuale che la stessa lettura può offrire. Abbiamo dunque deciso di erogare un buono per l’acquisto di libri a favore di ciascun alunno frequentante le scuole dell’obbligo della città. Dato che l’emergenza sanitaria ha generato gravi difficoltà economiche alle attività commerciali, abbiamo stabilito che il buono potrà essere utilizzato esclusivamente nelle librerie, cartolerie ed edicole sevesine”.

“Leggere apre la mente. Ed è un elemento imprescindibile nel cammino di crescita dei nostri ragazzi e delle nostre ragazze – aggiunge l’assessore alla Cultura, Luca Varenna – Il buono vuole poi valorizzare il percorso educativo costruito insieme alle scuole del nostro territorio, con una collaborazione costante e in continua evoluzione e che ha sempre l’obiettivo di rafforzare il tessuto comunitario della nostra città, anche grazie ai libri e al loro inestimabile valore culturale”.

TORNA ALLA HOME 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità