A Seregno

Contributi per imprese, asili nido e sport

"Ci rivolgiamo alle imprese che hanno subito un danno per il lockdown per aiutarle a ripartire"

Contributi per imprese, asili nido e sport
Seregnese, 07 Agosto 2020 ore 19:15

Imprese, asili nido locali e pratica sportiva di bambini e ragazzi: sono le le tre linee di contributo varate dal Comune di Seregno per accompagnare la città verso la ripartenza dopo i difficili mesi del lockdown.

I contributi

Per le piccolo e micro imprese della città che abbiano subito l’interruzione forzata dell’attività durante il periodo di lockdown sono messi a disposizione 400mila euro. Il bando, che sarà pubblicato prima di Ferragosto, prevede contributi fino a 500 euro a copertura delle spese relative ai canoni di affitto e contributi fino a 250 euro a copertura delle spese per utenze di energia elettrica, gas e acqua relativi all’immobile ove si svolge l’attività non utilizzato o non aperto al pubblico in ragione delle disposizioni relative alla emergenza epidemiologica.
Per gli asili, invece, l’aiuto comunale è finalizzato alla parziale copertura dei danni economici subiti dalle imprese private in relazione alla sospensione dell’attività durante l’emergenza sanitaria: il contributo a favore degli enti gestori privati di asili nido, micronidi e nidi famiglia che non abbiano accesso ad altre forme pubbliche di sostegno è parametrato fino ad un massimo di 100 euro per ogni iscritto e per ogni mese si chiusura. Nell’erogazione del contributo, saranno valutati con maggiore favore i soggetti che hanno applicato una riduzione ed esonero delle rette di frequenza a carico delle famiglie. Il bando per la concessione del contributo è già pubblicato e le domande possono essere presentate entro il 12 settembre.

Infine è stato previsto un contributo per consentire alle famiglie di garantire ai loro figli minorenni l’accesso alla
pratica sportiva: questa è la Dote Sport comunale, che può essere richiesta da famiglie che abbiano un indicatore Isee fino a 20mila euro per ragazzi minorenni residenti in città che pratichino sport presso un’associazione sportiva o presso una struttura sportiva. La Dote ha il valore di 100 euro. Sono previste, inoltre, Doti del valore di 200 euro per ragazzi che pratichino attività sportiva a livello regionale o nazionale. Le domande per l’accesso alla Dote Sport possono essere presentate entro il 30 ottobre.

 “Pubblichiamo quasi contemporaneamente tre bandi per altrettante misure a sostegno di realtà tra loro molto diverse – ha rimarcato il sindaco Alberto Rossi –  Ci rivolgiamo alle imprese penalizzate dalle misure del lockdown per dare loro una mano a rimanere in attività e ripartire. Ci rivolgiamo agli asili nido privati, punto di riferimento importantissimi per le famiglie e che quindi devono essere nelle condizioni di continuare a funzionare. E ci rivolgiamo alle famiglie e al mondo dello sport, con una misura che pensiamo non sia episodica ma che, già dal prossimo anno, possa diventare strutturale”.

TORNA ALLA HOME PAGE 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia