La scuola, la politica e...

“Didattica a distanza: non era un attacco alla Provincia”

Il centrosinistra: "Volevamo far valere di più le specificità del territorio".

“Didattica a distanza: non era un attacco alla Provincia”
Monza, 26 Ottobre 2020 ore 16:11

“Didattica a distanza, non era un attacco alla Provincia, il centrodestra ci ha deluso”. Il centrosinistra: “Volevamo far valere di più le specificità del territorio”.

“Didattica a distanza, non era un attacco alla Provincia”

L’appello, la replica e ora la controreplica. Continua il dibattito sulla didattica in presenza alle scuole superiori. I primi ad innescare la discussione erano stati, sabato pomeriggio, gli esponenti del centrosinistra, con un appello al Consiglio provinciale per fare il possibile perché a Monza e in Brianza, almeno in parte continuasse la didattica in presenza. Questo anche se l’ordinanza regionale  impone didattica a distanza.

Al centrosinistra aveva replicato il centrodestra, invitando gli esponenti del Partito democratico a rivolgersi direttamente a Roma, visto che anche il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri impone didattica a distanza nelle scuole superiori, almeno per il 75% degli studenti.

“Siamo anche un po’ sorpresi”

Ora a nome del centrosinistra Vincenzo Di Paolo, capogruppo di BrianzaReteComune, forza di minoranza in Provincia, ha diffuso una nota sull’argomento.

“Restiamo sorpresi, e anche un po’ delusi, per la replica del centrodestra e del presidente Santambrogio al nostro appello sull’organizzazione della didattica nelle scuole superiori – scrive anche a nome dei colleghi di partito –  Il nostro documento, precedente all’emanazione dell’ultimo Dpcm, Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, che comunque fissa un tetto per la Dad, Didattica a distanza  del 75% rispetto al 100% regionale, non era un attacco alla Provincia, ma la proposta di far valere insieme, e con più forza, la voce del territorio e la sua specificità.

“Sostenendo che ‘il centrosinistra sbaglia indirizzo e l’appello andava rivolto al governo’  sono i rappresentanti del centrodestra a fare strumentalizzazione e polemica politica.

Siamo convinti che il mancato coinvolgimento delle Province sia stato parte del problema con la Regione, e immaginiamo che anche i nostri vertici provinciali siano convinti di questo. Ci stupirebbe il contrario.

“Ci siamo mossi con estrema correttezza, cercando anche un contatto diretto, ma forse hanno ragione a dire che abbiamo sbagliato indirizzo, nel senso che è inutile cercare di essere costruttivi e collaborativi con chi cerca solo lo scontro“.

TORNA ALLA HOME PAGE

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia