Polemica politica

Fontana ai sindaci Pd: “Se non volete le risorse regionali restituitele”

Le critiche al Piano Lombardia non sono piaciute al presidente della Regione. Il consigliere dem Ponti: "Un'arroganza inaccettabile"

Fontana ai sindaci Pd: “Se non volete le risorse regionali restituitele”
Politica Monza, 08 Gennaio 2021 ore 19:12

Fontana ai sindaci Pd: “Se non volete le risorse regionali restituitele”. Le critiche al Piano Lombardia non sono piaciute al presidente della Regione. Il consigliere dem Ponti: “Un’arroganza inaccettabile”

Fontana ai sindaci Pd: “Se non volete le risorse regionali restituitele”

“Qualora  riteniate questi interventi non adeguati o meritevoli di un così rilevante sostegno regionale, vi invito coerentemente a restituire alla Regione le risorse stanziate ai vostri comuni, che potranno così essere redistribuite, attraverso appositi bandi, ad altri territori più disponibili”.

Si conclude così la lettera che il presidente della Regione Attilio Fontana ha inviato al sindaco di Cesano Boscone Simone Negri, in qualità di responsabile Pd dei sindaci dell’area metropolitana milanese.

Una chiosa che arriva dopo aver spiegato che fra i criteri della selezione degli interventi c’era quello della cantierabilità immediata. “Concretezza e rapidità – ha scritto Fontana nella sua risposta – sono dunque i tratti essenziali di questo piano straordinario di investimenti pubblici, per il quale abbiamo fatto uno sforzo senza precedenti in termini di risorse messe a bilancio per i prossimi due anni”.

Ha quindi ricordato alcuni degli stanziamenti andati a Comuni guidati da sindaci del Partito democratico prima della chiusura che invita, se non soddisfatti, a restituire le risorse ricevute.

Cinquantasei i primi cittadini che avevano sottoscritto la lettera per chiedere alla Giunta regionale di destinare risorse economiche ai Comuni “sulla base di criteri oggettivi o attraverso bandi pubblici”, contestando in sostanza la distribuzione dei fondi fatta con il Piano Lombardia o Piano Marshall che dir si voglia.

Una contestazione che aveva interessato anche i sindaci Pd di Monza e Brianza, che avevano disertato la presentazione del Piano Lombardia avvenuta in Autodromo proprio per questo motivo.

A Fontana replicano ora  il consigliere regionale del Pd Cesano Maderno Gigi Ponti insieme al collega e capogruppo Fabio Pizzul.

“In un momento di gravissima difficoltà politica ed amministrativa, nel bel mezzo del rimpasto di Giunta – hanno scritto i due esponenti del Partito democratico in una nota –  il presidente  della Giunta regionale Attilio Fontana,  anziché perseguire una collaborazione leale e proficua con i sindaci,   risponde loro con un’arroganza inaccettabile”.

I toni di questa lettera – affermano Pizzul e Ponti – non sono in alcun modo accettabili e sono uno schiaffo a tutti coloro che credono nella leale collaborazione fra istituzioni.  Rispondere alle legittime proteste dei sindaci che avevano denunciato, come avevamo fatto anche noi, la ‘legge mancia’, ovvero un provvedimento fatto solo per gratificare le amministrazioni del proprio colore politico senza alcun bando, senza alcun  progetto e senza alcun criterio oggettivo, è un’offesa a chi si adopera per amministrare in un periodo drammatico. E’ uno schiaffo ai sindaci”.

 “Da parte nostra – concludono i due esponenti dem – metteremo in campo tutte le azioni amministrative  volte a garantire rapporti leali di rispetto fra le istituzioni. Già da oggi abbiamo presentato un accesso agli atti in cui chiediamo di ricevere  tutti i progetti delle opere finanziate che, visto che dovevano essere cantierabili, dovrebbero  avere come allegati i progetti esecutivi”.

Ricordiamo che di recente si era mosso anche l’onorevole  Gian Mario Fragomeli, eletto nel Collegio di Monza-Seregno, con altri deputati Pd aveva contestato il Piano Lombardia, ritenendolo squilibrato e chiedendo l’intervento del Governo.

TORNA ALLA HOME PAGE

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità