L'EMERGENZA PROSEGUE

Il Governo proroga le misure restrittive in atto almeno fino al 13 aprile

"Si tratta di un ulteriore sacrificio ma se allentassimo le regole, tutti gli sforzi fatti sarebbero vani. Passeggiate coi bambini? Solo se un genitore va a fare la spesa"

01 Aprile 2020 ore 21:19

Il premier Giuseppe Conte, in una conferenza stampa arrivata in serata ha confermato la proroga delle misure restrittive fino al 13 aprile, come già aveva anticipato il ministro Sperenza.

“Il nostro paese sta attraversando la fase acuta dell’emergenza, oggi abbiamo superato 13.500 decessi. Questa è une ferita che ci addolora particolarmente, mai potremmo sanarla. Non siamo nella condizione di allentare le misure restrittive disposte. Siamo in stretto contatto con il Comitato tecnico scientifico che inizia dirci che si stanno vedendo i risultati delle misure fin qui adottate. Non siamo però in condizioni di abbracciare una prospettiva diversa. Ho appena firmato il nuovo Dpcm che proroga l’attuale regime delle misure restrittive fino al 13 aprile”, ha spiegato Conte.

Conte proroga le misure restrittive fino al 13 aprile

“Si tratta di un ulteriore sacrificio ma se allentassimo le regole, tutti gli sforzi fatti sarebbero vani, pagheremmo un prezzo altissimo oltre al costo psicologico e sociale, saremmo costretti a ripartire di nuovo. Sarebbe un doppio costo, non possiamo permettercelo. Invito tutti a continuare a rispettare le misure”.

“Basta irresponsabilità”

“Alcuni non rispettano le regole, ricordo che abbiamo previsto multe severe dal punto di vista economico. Non possiamo permetterci che l’irresponsabilità di alcuni porti un danno a tutti. Dobbiamo rispetto ai sanitari, i più esposti ai focolai di contagio, ma anche agli altri lavoratori che mandano avanti il paese”.

“Impossibile dire quando partirà la fase due”

“Spiace che capiti nel periodo di Pasqua, un momento di festività, di amore e pace. Sono dispiaciuto ma dovremmo affrontare anche i giorni di festività con il regime restrittivo. Questo ci consentirà di iniziare a valutare, una prospettiva. Se i dati dovessero consolidarsi, su consiglio degli esperti, programmeremo l’allentamento delle misure. Non posso però dire che sarà il 14 di aprile. Valuteremo la curva epidemiologica per entrare nella fase due che sarà la convivenza col virus, per poi entrare nella fase tre, ovvero l’uscita dall’emergenza e l’assoluta normalità, del rilancio sociale ed economico”.

Stop agli allenamenti per gli atleti

“Sospendiamo le seduta di allenamento onde evitare che delle società sportive possano pretendere l’esecuzione dell’attività. Non sono consentiti gli allenamenti negli impianti delle società. Gli atleti si alleneranno in forma individuale”.

Niente passeggiata coi bambini

“Non abbiamo autorizzato l’ora del passeggio coi bambini. Voglio chiarirlo. Abbiamo detto che quando un genitore va a fare la spesa, si può consentire l’accompagnamento del bambino. Non deve però essere l’occasione di andare a spasso e avere un allentamento delle misure restrittive. Dobbiamo preservare questo regime, proprio ora che si stanno vedendo gli effetti positivi”.

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia