Lega, la Circoscrizione Molgora attacca l’Amministrazione di Mezzago

Nel mirino del Carroccio la solidarietà espressa al sindaco di Riace Mimmo Lucano.

Lega, la Circoscrizione Molgora attacca l’Amministrazione di Mezzago
Vimercatese, 18 Novembre 2018 ore 09:01

Lega, la Circoscrizione Molgora attacca l’Amministrazione di Mezzago. Al Carroccio non è piaciuta la solidarietà espressa nei confronti del sindaco di Riace Mimmo Lucano.

Nel mirino l’ultimo Consiglio comunale

Nel mirino della Lega quanto accaduto nell’ultimo Consiglio comunale, andato in scena lo scorso 5 novembre. In quell’occasione il sindaco Giorgio Monti e la maggioranza di Mezzago avevano espresso la loro solidarietà nei confronti del sindaco di Riace Mimmo Lucano, pur rispettando in tutto e per tutto l’operato della magistratura.

“Servivano l’accortezza e il buon senso di non prodursi in inappropriati e inopportuni avvalli all’operato del Sindaco Mimmo Lucano, a tutt’oggi indagato nell’ambito dell’operazione “Xenia” condotta dalla Guardia di Finanza e coordinata dalla Procura della Repubblica di Locri, perché accusato di aver violato norme civili, amministrative e penali sull’accoglienza – si legge in un comunicato stampa diramato dalla Circoscrizione Molgora della Lega Nord – Ma che, come richiesto dallo stesso vicesindaco Giuseppe Gervasi, si chieda al ministro dell’Interno di velocizzare la chiusura del progetto Sprar”.

Riace, ma non solo

La vicinanza espressa a Mimmo Lucano e al “modello Riace” non è però l’unico oggetto al centro del contendere.

“Siamo invece felici di apprendere che, stando alle dichiarazioni del sindaco Giorgio Monti, l’amministrazione di Mezzago voglia investire 350.000 euro derivanti dall’accantonamento dell’avanzo di bilancio per finanziare alcune opere quantomeno necessarie per i cittadini – continua il comunicato della Lega – Quello che invece non capiamo è perché abbiano deciso di sfruttare la possibilità “concessa” della Ragioneria generale dello Stato, quando una miriade di piccoli interventi necessari alla comunità avrebbero dovuto e potuto essere realizzati ben prima, e con altre modalità, se solo avessero agito in maniera più avveduta e lungimirante. Per sistemare la cartellonistica stradale, trascurata, divelta o inesistente, siamo ad esempio in terribile ritardo. Fra gli interventi elencati, in ogni modo, contiamo che sia inclusa prioritariamente la messa in sicurezza del parco per bambini nelle vicinanze del Comune e la sistemazione della terribile rotonda di via Concordia. Opere che andavano fatte già da parecchio tempo, e non solo a ridosso delle elezioni; anche perché, qualche riflessione, ci sorge spontanea”.

2 foto Sfoglia la gallery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia