Limbiate, dimissioni Picco: “Trattata a pesci in faccia”

Tre mesi fa le voci di una sua probabile nomina ad assessore; due giorni fa, invece, le dimissioni

Limbiate, dimissioni Picco: “Trattata a pesci in faccia”
04 Maggio 2017 ore 15:53

Crepe in casa della lega nord limbiatese: l’ex sindaco di Cogliate Luciana Picco, assessore in pectore mai confermata nella Giunta di Antonio Romeo, ha rassegnato le proprie dimissioni dal Consiglio comunale di Limbiate.

Assessore sulla carta, ma poi arrivano le dimissioni

“Incompatibilità con i militanti della sezione limbiatese della Lega nord e totale mancanza di un loro appoggio”: è con questa motivazione che Luciana Picco ha rassegnato, la scorsa settimana, le proprie dimissioni da consigliere comunale. Una notizia inaspettata, che arriva dopo una lunga fase di stallo che a tre mesi dalle dimissioni dell’assessore leghista Claudio Dozio, ancora non ha portato a una nuova nomina per il Carroccio. “Provo fastidio per la vicenda – ha commentato l’ormai ex consigliera della Lega, e già sindaco a Cogliate – E’ stata la sezione a chiedermi supporto e la mia candidatura alle elezioni comunali di un anno fa. Ho ottenuto il numero più alto di preferenze e nonostante questo ho dato ad altri la possibilità di diventare assessore”.

Il “pasticcio” dell’incompatibilità di Dozio

Carica a cui Dozio ha dovuto poi rinunciare per incompatibilità professionale: un “errore spiacevole”, come lo ha definito Picco. A questo si aggiunge il ritardo nella nomina del sostituto, che ha fatto prendere alla consigliera dimissionaria la decisione di rassegnare le dimissioni: “Non me la sono sentita di andare avanti – ha aggiunto – mi hanno presa a pesci in faccia, mi sento usata. Sono leghista da sempre, ho la tessera da ventitre anni e ho una bella esperienza politica alle spalle, quindi non merito un simile trattamento. Arrivata a questo punto dico basta, non posso sopportare ancora e assecondare ancora una volta scelte che trovo assurde”.