Politica

Lotta al degrado a Besana: la Lega invoca il daspo urbano

Proprio come avviene negli stadi, chi deturpa la città deve esserne allontanato per dodici mesi.

Lotta al degrado a Besana: la Lega invoca il daspo urbano
Politica Caratese, 27 Ottobre 2017 ore 15:55

Contro vandali, accattoni e venditori abusivi la Lega nord invoca il daspo urbano. Chi deturpa Besana deve esserne allontanato per dodici mesi. Proprio come avviene negli stadi.

Daspo urbano: incivili via da Besana

La proposta è al centro della mozione firmata dai consiglieri lumbard Emanuele Pozzoli e Alessandro Corbetta. Se ne discuterà lunedì sera durante la seduta del Consiglio comunale.

Il documento parte elencando le mozioni sulla sicurezza già presentate dal Carroccio. Una nel 2014, due nel 2016. Per poi offrire un fotografia della città preoccupante.

Daspo urbano
Il capogruppo della Lega nord Emanuele Pozzoli

Stop ad insicurezza e vandalismi

Con un senso di insicurezza "sempre più dilagante nella popolazione besanese", il peggioramento "del decoro e del senso di sicurezza durante il mercato settimanale del mercoledì per via della presenza di un numero eccessivo di questuanti". Così come "nei cimiteri comunali".
Pozzoli e Corbetta chiedono quindi alla Giunta "un’ordinanza sindacale che vieti la questua, l’accattonaggio, il bivaccamento negli spazi pubblici presso gli incroci, nei giardini e presso i cimiteri. La vendita di beni sulla strada e tutti i comportamenti che determinano scadimento della qualità urbana (ad esempio la molestia ai cittadini in particolar modo a donne e anziani) sul territorio comunale". Pena, sanzioni pecuniarie alle quali aggiungere, nei casi considerati dalle norme in vigore, anche il cosiddetto «daspo urbano».
Necessarie sarebbero poi "una migliore e più adeguata illuminazione pubblica nelle zone più sensibili e oggetto di furto segnalate dai cittadini e un’ulteriore presenza della Polizia Locale nelle ore dell’imbrunire sul territorio comunale".

A completare il quadro, la predisposizione di "una commissione sicurezza che valuti l’efficacia dei nuovi strumenti regolamentari e ulteriori forme di intervento".

Seguici sui nostri canali
Necrologie