2 giugno

Mattarella a Codogno per la Festa della Repubblica FOTO

La visita alla città simbolo della pandemia.

Mattarella a Codogno per la Festa della Repubblica FOTO
02 Giugno 2020 ore 14:31

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Codogno tra la gioia dei cittadini e l’emozione delle istituzioni lombarde per le celebrazioni del 2 giugno, Festa della Repubblica. Presenti all’importante evento il sindaco di Codogno Passerini e il presidente Attilio Fontana, insieme agli altri sindaci dell’ex zona rossa, al prefetto di Lodi Marcello Cardona e al vescovo monsignor Maurizio Malvestiti.

Mattarella a Codogno per celebrare insieme la Festa della Repubblica

Il sindaco di Codogno, tra le altre cose, ha chiesto al presidente della Repubblica di istituire la “giornata delle vittime Covid” da festeggiare il 21 febbraio di ogni anno, data simbolo dell’inizio della pandemia nel Lodigiano. La richiesta è che diventi festa nazionale, un ricordo che unirà la nazione ogni anno a venire.

Il discorso di Mattarella

“Da Codogno, dove è iniziato il nostro percorso di sofferenza, vogliamo ribadire i valori della Costituzione, ricordando nuovamente i tanti nostri concittadini morti per il coronavirus e rinnovando grande solidarietà ai loro familiari e alle loro comunità. Oggi si ritrova la Repubblica, questo è tempo di un impegno che non lascia spazio a polemiche e distinzioni. Tutti siamo chiamati a lavorare per il Paese, facendo appieno il nostro dovere, ognuno per la sua parte. Non andrà dimenticato quanto, in questi mesi, hanno fatto, con generosa abnegazione, tanti medici, infermieri, personale impegnato nei diversi ruoli della sanità, farmacisti. Lungi dal sottrarsi al proprio compito, hanno contrastato l’epidemia con coraggio, sovente ponendo a rischio la propria salute. Molti sono rimasti vittime del loro senso del dovere. Non vi sono parole sufficienti per esprimere quanta gratitudine meritino da parte di tutti gli italiani“.

Le parole di Fontana

“La Lombardia ha contato troppe vittime: uomini e donne dietro cui si celano storie e famiglie, cui va oggi, come ogni giorno, il nostro cordoglio e la nostra vicinanza. Migliaia sono stati i malati e i guariti, assistiti con encomiabile senso del dovere e sacrifici straordinari da medici, infermieri e volontari venuti da tutto il mondo per offrire aiuto al nostro territorio: a loro voglio esprimere la mia infinita gratitudine. Il 20 febbraio scorso, a Codogno la storia del nostro Paese è mutata, dolorosamente e inaspettatamente. Un male imprevedibile ha travolto le vite dei nostri uomini e delle nostre donne e devastato con incredibile violenza una terra, la Lombardia, di lavoro e bellezza, solidarietà e progresso. Questi luoghi hanno, per primi, sofferto le terribili conseguenze dell’epidemia e pagato un prezzo piu’ alto in termini di vite umane e sacrifici. “L’emergenza sanitaria ha messo a dura prova cittadini, imprese e istituzioni ungamente colpite da una tragedia che ha avuto e avrà conseguenze importanti sulla nostra economia e sulla nostra quotidianità. Ci approcciamo ora a una nuova normalità che impone ritmi e abitudini differenti e un rinnovato senso civico, indispensabile per garantire a tutti un futuro sicuro”.

TORNA ALLA HOME 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia