Monza, Scanagatti: “Le mie verità…” VIDEO

"Resto all'opposizione, ma non so se sarò in Consiglio. Preoccupato per chi amministrerà dopo di me"

Politica 01 Luglio 2017 ore 13:59

Responsabilità e dubbio

Le ragioni della sconfitta. Il rammarico della metropolitana e di non essersi fatti capire dai cittadini. L’incertezza sul proprio futuro, i dubbi su chi ora amministrerà la città. Una settimana dopo una chiacchierata a libro aperto con l’ormai ex sindaco Roberto Scanagatti: “Mi assumo tutte le responsabilità di questa sconfitta. Cosa farò? Lo decideremo in questi giorni, fortunatamente il Pd ha un gruppo validissimo”.

Il cruccio: sicurezza e metropolitana

“Abbiamo cercato di parlare di sicurezza in un modo diverso dal Centrodestra, ammetto che non siamo riusciti a farci capire. Come sulla metropolitana. Allevi dice che raccoglierà macerie: le macerie sono altrove, anzi a breve inaugurerà tante iniziative approvate da noi”.

Attacchi e saluto romano

L’ex sindaco rigetta l’accusa di attacchi monotematici al Centrodestra: “Non ci sto: il lupo non diventa agnello. Mi hanno attaccato pesantemente in questi mesi. Allevi non è fascista? Lo dica. A me i saluti romani in sala Giunta hanno fatto pensare…”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità