Menu
Cerca
Intervento

Piazza Duomo trova una nuova luce

Il simbolo di Monza oggetto di un intervento di valorizzazione

Piazza Duomo trova una nuova luce
Politica Monza, 08 Giugno 2021 ore 17:01

Piazza del Duomo di Monza si veste di una nuova illuminazione architettonica: l’impianto sarà realizzato da Enel X - la business line per i servizi energetici avanzati del Gruppo Enel.

La nuova veste di piazza Duomo

Il progetto innovativo è orientato alla sostenibilità e prevede la sostituzione delle tecnologie tradizionali con tecnologie LED all’avanguardia. In particolare il concept illuminotecnico è basato su una proiezione diretta delle superfici verticali che consente di valorizzare l’architettura e di lasciare inalterati i suoi peculiari caratteri stilistici, mantenendo uno scenario di sottofondo a contorno. L'intervento prevede l’illuminazione della facciata del Duomo e del campanile attraverso un bagno uniforme di luce bianca calda, con una concentrazione maggiore del flusso verso il rosone centrale e il portale d’ingresso. Inoltre prevede l’illuminazione della piazza attraverso il “refitting” delle attuali lanterne ed una luce d’accento dedicata alle colonne votive binate.

“Il Duomo è il luogo simbolo di Monza, l’anima della città: qui troviamo, infatti, le nostre radici storiche e religiose – ha spiegato il sindaco Dario Allevi – Dopo il recente restauro della facciata, che ne ha portato alla luce l’antica cromia, il nuovo progetto di illuminazione darà ancor più risalto alla sua straordinaria bellezza mettendolo in condizione di poter essere ammirato sia di giorno che di sera”.

 L'intervento

L’intervento comporterà l’installazione di 37 proiettori a LED di ultima generazione, permettendo ai tecnici del Comune - attraverso un sistema di gestione da remoto - di attivare l’impianto e di regolarlo creando scenari dedicati. Il nuovo impianto, sostenibile ed efficiente, sostituirà i precedenti punti luce e ne aumenterà il numero restituendo alla piazza una fruizione notturna confortevole che permetta di leggere correttamente le cromie e i volumi delle architetture: l’assorbimento passerà da 6 kW a circa 4 kW. Il cronoprogramma prevede la realizzazione dei lavori a luglio.

La nuova illuminazione migliorerà la percezione dell’imponente edificio e la geometria dell’intera piazza – precisa l’Assessore al Patrimonio e Opere Pubbliche Simone Villa – Il sistema di distribuzione della luce è all’insegna della qualità e della massima precisione: ciò consente, da un lato di ridurre l’inquinamento luminoso e i costi di gestione, dall’altro di aumentare la resa cromatica per valorizzare meglio l’edificio monumentale”.

 

Necrologie