Sponsorizzato

Come organizzare il funerale del proprio animale domestico

Come organizzare il funerale del proprio animale domestico
13 Marzo 2020 ore 07:15

Anche il chiedersi come organizzare il funerale del proprio animale domestico porta con sé un pensiero triste che tutti noi vorremmo evitare per quanto possibile. Tuttavia, quando ci si ritrova nella condizione di non poter più rimandare il tutto, è necessario avere le idee chiare per riuscire a salutare il proprio cane o il proprio gatto nel migliore dei modi ma anche nel rispetto di tutte quelle che sono le regole in materia.

Le regole per organizzare il funerale di un animale domestico

L’estremo saluto al compagno di una intera vita è molto difficile, ma è ineluttabile. Come fare per organizzare un funerale degno? Sebbene non si parli di un essere umano sono tantissime le persone che desiderano usufruire di questo servizio, fermo restando che in ogni caso l’animale morto deve essere smaltito secondo una precisa e stringente normativa.

Il corpo del cane o del gatto morto deve essere necessariamente cremato e questo per questioni igienico sanitarie di non poca importanza. Non solo: facendo cremare il proprio animale domestico si potrà avere la possibilità di avere le ceneri così da conservarne il ricordo anche in casa.

La cremazione degli animali è ancora poco conosciuta nel nostro paese, ma è la modalità che il sistema sanitario suggerisce per chi deve fare i conti con il corpo di un cane o un gatto morto. Se si effettua una ricerca cremazione animali costi ci si può fare un’idea di quella che è la spesa da sostenere. Da questo punto di vista TaffoPet, che è stata una delle prime agenzie funebri per animali in Italia, offre le migliori possibilità per avere un vero e proprio funerale per il proprio animale a un costo ridotto.

Se ci si domanda come avviene la cremazione degli animali è utile sapere qualche nozione di base. Si tratta di un procedimento molto simile a quello utilizzato per la cremazione di salme umane. Il corpo viene inserito in un apposito forno, che ha delle caratteristiche specifiche e che ha ottenuto delle autorizzazioni, dove verrà bruciato a una temperatura pari a 1800 gradi. Si tratta di un’operazione che richiede tempo variabile a seconda di quella che è la stazza dell’animale morto.

Alla fine dell’operazione le ceneri del fidato amico a 4 zampe verranno raccolte e messe all’interno di un’urna che potrà essere conservata dai padroni dell’animale in piena regola con tutte le norme igieniche e sanitarie.

Top news regionali
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia