Sponsorizzato

Servizi per aziende agroalimentari: come ottimizzare logistica, stoccaggio e trasporti dei prodotti

Servizi per aziende agroalimentari: come ottimizzare logistica, stoccaggio e trasporti dei prodotti
21 Maggio 2020 ore 11:00

Trasportare prodotti agroalimentari significa non solo movimentare merci da una parte all’altra del paese o del mondo, ma anche garantirne l’integrità e la freschezza. Per questo, occorre affidarsi a professionisti che ottimizzino ogni fase del processo, mantenendo inalterata la catena del freddo.

Aziende e industrie agroalimentari, infatti, possono richiedere la consegna di alimenti freschi, termosensibili o persino surgelati, quindi occorre organizzare in maniera impeccabile l’intera supply chain, che prevede la gestione dall’ordine fino alla consegna, passando per il trasporto. Ottimizzare la gestione della catena di distribuzione è più facile se si hanno a disposizione strumenti software adeguati a supporto di ogni fase. La logistica a temperatura controllata di STEF ad esempio, è strutturata per coordinare scrupolosamente ogni fase della movimentazione, grazie a strumenti IT ma anche a filiali dislocate in Italia e in molti paesi europei.

Gli strumenti IT e l’organizzazione devono essere caratterizzati anche da un’elasticità a misura di cliente, che consenta la massima personalizzazione delle spedizioni: la disponibilità 7 giorni su 7 che il Gruppo STEF garantisce ne è una prova.

Dall’imballaggio al trasporto

Bisogna, innanzitutto, provvedere all’imballaggio corretto di ogni singolo prodotto, tenendo sempre conto della temperatura ottimale a cui dovrà essere trasportato: che si tratti di merce fresca o surgelata, durante la movimentazione e l’eventuale stoccaggio non dovrà mai alterarsi. Per questo motivo, aziende come il Gruppo STEF si avvalgono di servizi di facchinaggio e magazzini logistici che assicurano il mantenimento delle varie temperature.

Se per il trasporto su gomma, infatti, i mezzi refrigerati devono mantenere determinati standard, lo stesso vale per i magazzini in cui la merce viene riposta. I centri di stoccaggio rispetteranno sempre le norme igieniche fondamentali e avranno, a loro volta, temperature controllate; in ogni punto di raccolta, inoltre, il personale specializzato si occuperà di movimentare i colli con le tempistiche e la cura necessarie: successivamente, la merce sarà caricata su appositi veicoli refrigerati. Un collegamento necessario, in questo processo, dev’essere stabilito, quindi, anche con i principali aeroporti. A tal proposito, STEF collabora con gli spedizionieri di due snodi aeroportuali fondamentali, Fiumicino e Malpensa, che si occupano di caricare i prodotti alimentari sui velivoli.

I trasporti più brevi godranno della medesima attenzione e ogni mezzo sarà controllato dopo ogni viaggio a verifica della sua efficienza. Gli standard di qualità europei prevedono che i camion refrigerati siano completamente autonomi, ovvero che presentino un motore dedicato esclusivamente alla refrigerazione delle merci, la quale non dovrà dipendere dall’accensione del mezzo stesso. La consegna in giornata, che può essere richiesta per esempio per i prodotti alimentari deve essere gestita affinché ristoratori, rivenditori o aziende ricevano le consegne senza imprevisti.

Le aziende agroalimentari, quindi, dovranno scegliere i servizi migliori, che riguarderanno l’intera gestione di import ed export. Esperienza, capillarità e monitoraggio continuo rappresenteranno elementi imprescindibili perché la merce sia imballata, trasportata e stoccata in maniera ottimale e nel pieno rispetto delle norme igieniche ed alimentari.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia