Sponsorizzato

Tutto quello che si deve sapere sulla valutazione di impatto acustico ambientale

Tutto quello che si deve sapere sulla valutazione di impatto acustico ambientale
11 Marzo 2020 ore 07:37

Ci sono delle attività che, prima della loro apertura, devono produrre una specifica documentazione in merito all’impatto acustico ambientale che andranno ad avere.

Se ci si domanda quali sono queste attività è necessario indicare che, stando alla legge attualmente vigente in materia, devono presentare tale valutazione attività come discoteche, impianti sportivi, infrastrutture di trasporto, esercizi che utilizzano macchinari rumorosi che possono turbare la quiete salvo alcune eccezioni espressamente indicate dalla normativa specifica (legge n. 447/95 Legge quadro sull’inquinamento acustico).

La valutazione di impatto acustico risulta essere necessaria per poter chiarire se l’attività in questione è in linea o meno con quelli che sono i limiti di emissione e immissione sonora che sono previamente stabiliti dal comune in cui sorge.

A chi richiedere la valutazione di impatto acustico

La valutazione di impatto acustico, così come richiesta dai Comuni, deve essere rilasciata da aziende autorizzate a effettuare questo tipo di consulenza, come il Gruppo Maurizi che si occupa di questo da molti anni.

Potrebbe essere utile sapere che queste valutazioni non hanno una scadenza e, pertanto, non è necessario rinnovarle periodicamente. Tuttavia, se si decide di andare ad ampliare l’attività è necessario produrne una nuova, poiché vanno a cambiare i livelli di emissione che devono essere aggiornati.

Si tratta di un documento molto importante, che attesta che l’azienda o l’attività che si desidera aprire ha tutti i requisiti necessari da questo punto di vista. Per questo motivo è necessario che siano degli esperti a rilasciare tale valutazione senza la quale potrebbe essere impossibile aprire un’attività.

Sarà necessario misurare i rumori nel periodo diurno e in quello notturno, ma non solo.
Questi dovranno essere misurati sia all’aperto che all’esterno. Si tratta di misure necessarie per tutelare chi potrebbe essere disturbato dal rumore eccessivo. Proprio per questo ci si deve accertare che tutto sia fatto entro i limiti imposti dalla legge.

Quando si parla di controllo dell’impatto acustico in ambienti chiusi è bene sottolineare anche che questo avviene posizionando degli strumenti specifici e ricreando determinate condizioni. Ecco, quindi, che questo spiega ulteriormente il motivo per il quale il controllo non possa essere eseguito in autonomia ma è necessario l’intervento di una ditta specializzata.

Chiunque desideri avviare una nuova attività o aprire un’azienda deve ricordare quanto sopra scritto, poiché si tratta di un documento decisamente importante per poter realizzare il proprio sogno imprenditoriale senza avere problemi.

Top news regionali
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia