A cosa fare attenzione quando si noleggia low cost

A cosa fare attenzione quando si noleggia low cost
Idee & Consigli Monza, 06 Agosto 2021 ore 07:29

Quello del trasporto low cost è un trend che ormai pare inarrestabile: cominciato dalle linee aeree, si è presto diffuso a corriere e navi, toccando anche il settore del noleggio.

Ma come sa bene chi si sposta in aereo di frequente e si ritrova a piedi senza uno straccio di avviso, non tutto è oro quel che luccica: perché molto spesso dietro il low cost - anche nel noleggio - si celano rischi e costi nascosti.

Solitamente è possibile abbassare i prezzi da mostrare alla clientela in uno di questi due modi: scorporando i costi non strettamente legati al noleggio e tagliando i servizi inclusi nella tariffa.

Quando si parla di costi scorporati e nascosti, potremmo pensare alle tariffe IVA esclusa. Ma il fatto di scorporare l’IVA (che comunque deve essere segnalato e non può essere nascosto) ha piuttosto la funzione di permettere a chi noleggia un veicolo per motivi di lavoro, di calcolare i costi al netto degli sgravi fiscali per il noleggio (l’IVA è scontata al 100% se il veicolo si usa solo ed esclusivamente per esigenze lavorative).

I costi nascosti in realtà sono altri. Frequentemente può capitare che i prezzi del noleggio non sono comprensivi dei costi di assicurazione. Da un lato questo lascia più libertà di scelta al cliente, che può scegliere se sottoscrivere a propria discrezione una copertura assicurativa aggiuntiva come la PAI. Dall’altro, mostrare solo in un secondo momento i costi di assicurazione è abbastanza scorretto, perché assicurazione per protezione danni e protezione furto sono invece parte di un unico pacchetto obbligatorio per legge.

Un altro costo nascosto è quello legato al chilometraggio forfettario percorribile. Il preventivo del noleggio comprende sempre un certo chilometraggio massimo forfettario in base alla durata e le necessità del noleggio.

Oltre questo limite, si paga una tariffa al chilometro.

Il costo nascosto si dà quando il chilometraggio forfettario viene fissato volutamente al ribasso per far scattare la tariffa al chilometro. Le tariffe molto basse di solito offrono chilometraggi minimi: pertanto è buona norma valutare non solo la tariffa, ma anche il chilometraggio già incluso

E poi è bene fare attenzione anche al serbatoio.

Se non viene specificata la prassi riguardante il carburante è bene tenere gli occhi aperti, perché con buona probabilità verranno addebitati i costi della benzina.

Se il noleggiatore consegna l’auto piena di benzina, con la possibilità di riportarla vuota, ci sta facendo pagare la benzina del primo pieno con un ricarico non indifferente. E inoltre, ci guadagna due volte: con il ricarico sul primo pieno e con la benzina avanzata nel serbatoio al momento della riconsegna.

L’altra strategia per tenere basse le tariffe è scorporare dalla tariffa tutti i servizi aggiuntivi, anche quelli che ci si potrebbe aspettare già compresi nel noleggio.

Può capitare ad esempio che dal costo base di noleggio nei mesi invernali venga escluso il montaggio degli pneumatici invernali. Si tratta di una pratica discutibile perché una tariffa di noleggio dovrebbe comprendere tutto ciò che permette di muoversi in sicurezza sul manto stradale: per legge è infatti sempre obbligatorio circolare con gomme da neve durante i mesi invernali, anche in mancanza di precipitazioni nevose.

Altro servizio spesso eliminato dalla tariffa è il veicolo sostitutivo. Un po’ come le assicurazioni, è un servizio che non si è mai felici di sottoscrivere, tranne quando serve sul serio.

Proviamo ad immaginare il caso in cui una persona noleggia un furgone per lavoro e si ritrova con il veicolo inutilizzabile a metà noleggio per colpa di un sinistro. Il furgone serve ancora, ma ora il malcapitato deve perdere ore di lavoro per stipulare un nuovo contratto di noleggio. Con il veicolo sostitutivo avrebbe invece avuto un servizio continuativo per tutta la durata del noleggio.

Vale quindi la pena cedere alla tentazione del noleggio furgoni e auto low cost con il rischio di pagare di proprie spese la differenze con le tariffe normali? Non esiste una risposta facile da dare: l’unica cosa che si può fare è valutare attentamente se il gioco dei prezzi bassi vale la candela.

 

 

Necrologie