Studenti preoccupati

Gli studenti del Nanni Valentini occupano la scuola, “Questo rientro non è sicuro”

Oltre alle numerose problematiche emerse con la pandemia in corso, i ragazzi lamentano molte altre criticità. "Dopo mesi di abbandoni e trascuratezza gli studenti hanno preso coscienza e si sono riappropriati degli spazi che gli spettano per riformare la scuola".

Gli studenti del Nanni Valentini occupano la scuola, “Questo rientro non è sicuro”
Scuola Monza, 25 Gennaio 2021 ore 17:58

Oggi un gruppo di studenti e studentesse del LAS Nanni Valentini ha occupato l’Istituto. Oltre alle numerose problematiche emerse con la pandemia in corso, i ragazzi lamentano molte altre criticità.

Gli studenti del Nanni Valentini occupano la scuola, “Questo rientro non è sicuro”

“E’ ormai nota a tutti la situazione disastrosa dell’edificio – fa sapere il collettivo studentesco dell’ISA in una nota – , pericolosa sia per gli studenti sia per tutto il personale scolastico; mancanza di spazi per svolgere le attività didattiche adeguatamente, soprattutto in questo periodo di pandemia. Chiediamo che siano stanziati i fondi che aspettiamo da anni per la messa in sicurezza del nostro istituto, ormai siamo ignorati da fin troppo tempo e gli incidenti dovuti alle carenze strutturali del Nanni Valentini continuano a verificarsi.  Abbiamo diritto a recarci in una scuola sicura, i definanziamenti sull’edilizia scolastica non possono più essere accettabili e la salute degli studenti e di tutto il personale scolastico deve essere salvaguardata”.

Per gli studenti del Nanni Valentini dunque questo rientro a scuola non può considerarsi sicuro. “Tornare in presenza al 50% senza investimenti sui test rapidi regolari, i termoscanner, il tracciamento, i sistemi di areazione, i presìdi medici scolastici, l’aumento delle corse dei mezzi pubblici, il diritto allo studio, gli spazi, le assunzioni di organico, il superamento delle classi pollaio, non è tornare a scuola in sicurezza. – sostengono gli studenti.

In merito all’occupazione il collettivo studentesco dell’Istituto fa sapere che:

“Prima di prendere una scelta così forte ci siamo impegnati nell’organizzare varie manifestazioni e lezioni in piazza fin dal mese di ottobre, abbiamo sempre avuto come obiettivo la rivendicazione dei diritti di studentesse e studenti, sanciti all’interno della Costituzione italiana. Abbiamo deciso di assumerci una responsabilità come giovani, studenti e adulti del futuro. La DaD ormai si trascina i suoi problemi da marzo 2020 e continuerà a trascinarli anche in didattica alternata, le istituzioni non hanno ancora avuto la capacità di investire sulla scuola e quindi sul futuro. Non vogliamo che la nostra azione venga vista come irresponsabile, altresì essa vuole essere una lezione di educazione civica e sociale: dopo mesi di abbandoni e trascuratezza gli studenti hanno preso coscienza, non si sono accontentati di un rientro fittizio e si sono riappropriati degli spazi che gli spettano per riformare la scuola, intesa come un luogo fondamentale in cui progettare un futuro diverso”.

(foto archivio)

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli