si pensa a settembre

Il piano per riaprire la scuola in sicurezza

Interventi all'Omni di Vimercate, all'Europa Unita di Lissone, al Mapelli di Monza, al Morante di Limbiate e al Centro scolastico di Seregno

Il piano per riaprire la scuola in sicurezza
Brianza, 01 Agosto 2020 ore 10:24

Un piano articolato per poter riaprire la scuola in sicurezza: è quello illustrato in Provincia durante la conferenza dei servizi cui hanno partecipato i 30 dirigenti scolastici degli istituti superiori MB, i referenti dei Comuni che ospitano nel proprio territorio le scuole (Monza, Lissone, Seregno, Cesano Maderno, Carate Brianza, Besana Brianza, Desio) e Stefano Terraneo, rappresentante del comitato genitori per l’associazione AGE Monza e Brianza. Oltre a Laura Patella nominata da pochi giorni Dirigente dell’Ufficio scolastico territoriale Monza e Brianza.

Il piano per la scuola in sicurezza

La Provincia ha avviato, già nelle scorse settimane, un confronto con i dirigenti scolastici per valutare le criticità degli istituti scolastici e individuare gli interventi da effettuare per garantire il rientro a scuola degli studenti e del personale docente in condizioni di sicurezza.

“Questo è per tutti l’anno zero: ripartiamo con un anno scolastico che avrà regole completamente nuove e che richiedono, da parte di tutti, un grande sforzo organizzativo e massima collaborazione – ha sottolineato il presidente Luca Santambrogio –  L’emergenza non è finita: dobbiamo ripartire con prudenza tenendo conto delle diverse esigenze di ogni indirizzo di studio nella pianificazione della didattica in presenza. Chiediamo di tenere le scuole aperte per permettere di eseguire tutte le opere di adeguamento durante il mese di agosto e la collaborazione dei Sindaci nel rilascio veloce di tutte le autorizzazioni che servono per aprire i cantieri.”

Edilizia scolastica e arredi

La Provincia ha pianificato gli interventi da effettuare finalizzati all’adeguamento e all’adattamento funzionale di spazi, ambienti e aule didattiche in coerenza a quanto contenuto nella “Pianificazione delle attività scolastiche, educative e formative del sistema nazionale d’istruzione”, redatto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur) e finanziato con 1,3 milioni assegnati attraverso fondi Pon, il programma operativo nazionale “Adeguamenti spazi ed aule”.
Gli interventi riguardano, in generale:
– demolizione di pareti per riqualificazione spazi;
– rimozione di pareti attrezzate per riqualificazione spazi;
– formazione di nuove partizioni in muratura / cartongesso, per configurare spazi
coerenti con gli standard funzionali dettati dalle norme vigenti in materia di edilizia
scolastica e finalizzate al contenimento del rischio sanitario da Covid-19
– realizzazione di pavimentazioni a completamento dei nuovi spazi;
– adeguamento/ rifacimento delle controsoffittature degli spazi interessati dalla
riqualificazione;
– adeguamento dei rapporti aero-illuminanti degli ambienti soggetti a riqualificazione,
se necessario, mediante adeguamento delle aperture e sostituzione degli infissi;
– fornitura e posa di porte interne;
– adeguamento degli impianti elettrici e vari interessati dalla nuova configurazione degli
spazi creatisi;
– adeguamento degli impianti idrico/ sanitari e di riscaldamento;
– sostituzione di corpi illuminanti;
– tinteggiatura degli ambienti e dei termosifoni delle superfici oggetto di
riqualificazione;
– rifacimento di servizi igienici;
– rifacimento/revisione di porzioni di copertura per garantire la fruibilità di alcuni spazi
oggi inagibili;
Sono compresi nei Fondi Pon circa 200.000 euro per l’acquisto di arredi scolastici.

Il cosiddetto Piano Marshall

Con i 3,300 milioni assegnati alla Provincia MB da Regione Lombardia è stato possibile pianificare opere urgenti che saranno eseguite già a partire dal mese di agosto. All’Omnicomprensivo di Vimercate sarà realizzato il  ripristino e la riqualificazione dei camminamenti esterni mediante impermeabilizziazione del solaio di calpestio ( 169.065,95). Alla Europa Unita di Lissone saranno sostituiti tutti gli infissi esterni ( 1.824.490 euro), al Mapelli di Monza sarà rifatta la copertura della palestra (545.621 euro), al Morante di Limbiate rifatta la copertura edificio ex Rivola (195.289 euro) al Centro Scolastico di Seregno rifatta la copertura del Palazzetto dello sport e la sostituzione lucernai (196.627 euro)

E il trasporto pubblico?

La Provincia ha chiesto ai dirigenti scolastici di compilare un “Atlante” per avere informazione più certe sul reale utilizzo dei mezzi pubblici da parte degli studenti. Si tratta di una informazione importante da trasmettere all’Agenzia del Trasporto Pubblico Locale del Bacino della Città Metropolitana di Milano, Monza e Brianza, Lodi e Pavia per pianificare lo scaglionamento degli ingressi.

“Chiediamo la collaborazione dei dirigenti scolastici nella programmazione degli orari di entrata e uscita degli studenti nei Comuni in cui sono presenti più istituti scolastici: stimiamo che il prolungarsi dello smart working possa ridurre l’affluenza nelle ore di punta, ma è necessario avere un quadro più certo dell’utenza scolastica del trasporto pubblico per evitare assembramenti e permettere ingressi scaglionati senza dilungare troppo nella giornata l’orario delle lezioni.”

TORNA ALLA HOME PAGE 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia