Il primo cittadino di Lissone

Il sindaco scrive agli studenti per il primo giorno di scuola

Concetta Monguzzi e l'assessore all'Istruzione Renzo Perego hanno preso carta e penna e scritto ai ragazzi della città

Il sindaco scrive agli studenti per il primo giorno di scuola
Monza, 02 Settembre 2020 ore 16:14

Una lunga lettera dedicata agli studenti di Lissone in vista del loro primo giorno di scuola. Il sindaco ha voluto prendere carta e penna e spiegare le “novità” per questo anno scolastico.

La lettera agli studenti

Il primo cittadino Concetta Monguzzi, insieme all’assessore all’Istruzione Renzo Perego, ha voluto fare il proprio in bocca al lupo in vista del suono della prima campanella prevista per le prossime settimane (in relazione alle scuole).

Dopo otto mesi siamo felici di pensarvi in questo luogo di relazioni che è la scuola. Ritroverete, finalmente, lo sguardo dei vostri insegnanti e dei vostri compagni, non più filtrato da uno schermo: sarà bellissimo potervi tornare a guardare in faccia, anche se protetti da una mascherina, indispensabile per garantire la sicurezza vostra e dei vostri compagni.

Una missiva ricca anche di speranza, soprattutto in considerazione delle nuove “modalità” di frequenza messe a punto per garantire la sicurezza sia dei ragazzi che del personale docente e non docente dei singoli plessi.

L'assessore Renzo Perego
L’assessore Renzo Perego

Noterete qualcosa di cambiato: classi modificate, armadi spostati, ingressi separati, nuova modalità di gestione del servizio mensa. Troverete una scuola diversa da come l’avete lasciata. Per tutti sarà una scuola nuova. Ci sono nuove regole e nuovi comportamenti da seguire, ma è per il bene di tutti noi. So che i vostri insegnanti sono felicissimi di ritrovarvi: scruteranno il vostro sguardo, saranno sorpresi per i vostri cambiamenti. Il primo giorno di scuola è sempre emozionante, quest’anno il sapore di questa emozione è più intenso. È gioia, che nasce dal ritrovarsi di persona.

Il messaggio alle famiglie

Sindaco e assessore poi hanno rivolto un messaggio particolare anche alle famiglie che in questo periodo stanno anche loro facendo la loro parte nel periodo di post-emergenza.

Siamo certi che i vostri genitori vi seguiranno anche con maggiore premura del solito, contenti di sapervi ritornati in un ambiente così importante per la vostra crescita.

Non poteva poi mancare un riferimento anche ai dirigenti scolastici, agli insegnanti e a tutto il personale del che opera nelle scuole della città di ogni ordine e grado.

Prende il via anche per voi una nuova sfida, dopo mesi di esperienze che ci hanno duramente segnati. Anche per questo motivo vogliamo trasmettervi la nostra vicinanza per confermarvi che il Comune è al vostro fianco. L’Amministrazione comunale e gli uffici di competenza, insieme ai dirigenti scolastici degli istituti del territorio, seppur in un contesto normativo in costante aggiornamento, hanno pianificato e realizzato una serie di interventi. Tutto è stato fatto per consentire di restituire in sicurezza la didattica in presenza che è il cuore della crescita di ogni persona.

Insomma, un bel pensiero per chi si trova a sua volta a dover lavorare con modalità ben differenti rispetto a quelle cui si era abituati negli anni scorsi.

Dalla scuola passa il futuro dei nostri ragazzi. Siamo certi che tutti voi, grazie alla vostra competenza, al vostro entusiasmo e alla vostra creatività, saprete portare avanti l’insegnamento anche con questi nuovi accorgimenti che imporranno qualche separazione fisica in più. Sappiamo l’attesa dei vostri alunni nel rientrare in classe: non vedono l’ora di ritrovare la vostra passione, i vostri sguardi, i vostri sorrisi… e anche qualche vostro rimprovero!

Ora tutta l’attenzione è puntata sulla ripartenza ufficiale che prenderà il via nelle prossime settimane sia nelle scuole dell’infanzia, che alle primarie che alle medie.

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE DEL GIORNALE DI MONZA

TORNA ALLA HOME

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia