Il presidio

Monza, studenti stanchi della didattica a distanza tornano in piazza

Il presidio, oggi pomeriggio, ha visto la mobilitazione di alcuni allievi delle superiori della città, ma anche di ragazzi provenienti dagli istituti scolastici di Giussano e Vimercate. 

Monza, studenti stanchi della didattica a distanza tornano in piazza
Scuola Monza, 21 Gennaio 2021 ore 21:25

Come annunciato sono tornati di nuovo in piazza per chiedere le lezioni in presenza in tutta sicurezza. Sono gli studenti delle superiori di Monza e Brianza. Il presidio, oggi pomeriggio a Monza, ha visto la mobilitazione di alcuni allievi delle superiori della città, ma anche di ragazzi provenienti dagli istituti scolastici di Giussano e Vimercate.

Studenti stanchi della didattica a distanza scendono in piazza a Monza

Sotto l’Arengario, per un presidio statico, nel pieno rispetto di tutte le norme sanitarie anti contagio, c’erano ragazzi del Liceo Zucchi, del Mapelli e del Banfi solo per citare alcuni istituti.

Cosa chiedono i ragazzi? Per riassumere quanto già anticipato ieri alla vigilia del presidio, gli studenti vorrebbero un maggiore ascolto da parte delle istituzioni. Una maggiore attenzione sulle dinamiche della didattica a distanza, considerata dalla maggior parte degli studenti una modalità di insegnamento incompleta e poco efficiente. Non solo, i ragazzi mettono sul tavolo anche le difficoltà nel rapporto con gli insegnanti proprio a causa della didattica a distanza.

Il nodo trasporti

E poi c’è la questione trasporti: l’aumento delle corse per quanto riguarda il trasporto pubblico locale è per gli studenti assolutamente insufficiente a coprire la richiesta; ma il sindacato studentesco non si limita all’elenco dei problemi anzi “Come sindacato vogliamo essere partecipi delle decisioni e vogliamo proporre” – fanno sapere.

Insomma i ragazzi non chiedono altro che il ritorno a scuola, per una didattica in presenza e in tutta sicurezza.

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli