Sport
Verso i Mondiali

Campione di nuoto pinnato conquista ben sei medaglie d’oro agli Europei

Il bovisiano Luca Zanni, 47 anni, ha primeggiato in tutte le discipline: "Ora si vola ai Mondiali".

Campione di nuoto pinnato conquista ben sei medaglie d’oro agli Europei
Sport Desiano, 30 Ottobre 2021 ore 18:00

Con sei ori al collo Luca Zanni, 47 anni, conquista i campionati europei di nuoto pinnato. E’ entrato in piscina per la prima volta solo undici anni fa ed è già una grande soddisfazione per la sua squadra, la Nps di Varedo: "Ora si vola in Colombia, ai mondiali".

Campione di nuoto pinnato conquista ben sei medaglie d’oro agli Europei

Si è disputato in Italia e, più in particolare a Lignano Sabbiadoro, quest’anno, il campionato continentale Cmas di nuoto pinnato: duecento atleti presenti da undici nazioni d’Europa.
Il bovisiano Luca Zanni, che di professione gestisce un allevamento di cani razza Labrador e Golden Retriever a Cogliate, è riuscito a farsi notare. "Mi sono iscritto a sei discipline – ha affermato – Sicuramente non mi aspettavo di ottenere l’oro in tutte e sei".

Zanni ha gareggiato nella categoria surface 45-50 anni, vincendo le competizioni una dopo l’altra: "Ho partecipato ai 50 metri, ai 200, 400, 800, ai 50 metri in apnea – ha spiegato – L’ultima gara è stata i 100 metri, la più importante. Ogni volta che ne vincevo una mi caricavo sempre di più. Mi sono allenato tanto e mi sentivo in forma, ma sicuramente non mi sarei mai aspettato un risultato simile. Sono davvero soddisfatto".

Sei vittore ottenute in casa: "Ogni anno il campionato europeo ha luogo in una nazione diversa ed è stato bello primeggiare qui in Italia – ha ammesso – Purtroppo, però, non abbiamo potuto godere del calore del pubblico, non ancora ammesso alle gare. Anche quello fa la sua parte, l’applauso e gli appassionati dagli spalti di motivano molto". Fortunatamente, i tifosi hanno potuto godersi le sue vittorie anche da casa, perché le gare sono state trasmesse in diretta.

Una passione scoperta 11 anni fa

Ogni successo, per lui, è una vittoria: "Io ho iniziato a nuotare solo undici anni fa – ha detto il campione – Ho cominciato con il nuoto libero nella piscina Lido Azzurro di Varedo ed ero affascinato dagli atleti di nuoto pinnato. Li vedevo con le pinne o con la monopinna, con boccaglio e pensavo sempre “Ma chissà come funziona, chissà se è difficile”». Un giorno, poi, ha deciso di provare e da lì, non è più tornato indietro: «Ho cominciato con i corsi base e man mano quelli più avanzati, fino ad arrivare alla classe master. Ringrazierò sempre il mio preparatore Alessandro Brambilla".
L’obiettivo più grande, ora, è quasi dietro l’angolo: "A luglio ci sono i mondiali in Colombia. Con questo ultimo risultato, posso partecipare – ha spiegato il bovisiano – Adesso ci concentriamo su questo. Se la salute e il mio corpo me lo consentiranno, partiamo".

Necrologie