Sport
Ciclismo

Carlo Penzo ancora protagonista, è nella Top 10 della Granfondo Piccole Dolomiti

Solido ottavo posto per il 19enne vicentino in una delle ultime gare della stagione. Un altra prova convincente dopo la Marathon Bike della Brianza nelle gare in linea.

Carlo Penzo ancora protagonista, è nella Top 10 della Granfondo Piccole Dolomiti
Sport Caratese, 20 Settembre 2022 ore 07:13

Dopo l'impresa a Schio un'altra brillante prova per Carlo Penzo alla Granfondo Piccole Dolomiti. Il 19 portacolori del Pavan Free Bike si è riproposto nelle prime posizioni della gara che ha visto ai nastri di partenza, dal cento di Recoaro Terme, quasi 350 bikers.

Carlo Penzo ancora protagonista, è nella Top 10 della Granfondo Piccole Dolomiti

Non un episodio isolato dunque la bellissima prova portata avanti dal 19enne alla Marathon Bike della Brianza.  Il tracciato della Granfondo di 36 Km con 1.600 metri di dislivello, si preannunciava impegnativo ma allo stesso tempo molto divertente, con l’ascesa iniziale del Passo Xon, il lungo tratto verso Pian delle Fugazze e il GPM a quota 1.544 metri s/lm.

La gara è rimasta in equilibrio per tutta la sua durata e solamente nel finale Nicholas Pettinà è riuscito a scavare un piccolo solco che gli ha consentito di conquistare l’ennesima vittoria della sua carriera.

Il portacolori di Pavan Free Bike, Penzo, ha dimostrato di essere arrivato in ottima forma a questa gara ed è stato uno dei protagonisti nelle prime fasi, mantenendosi nel gruppetto di testa sulla lunga salita verso Campogrosso e nonostante i crampi e una foratura nelle battute finali ha chiuso nella Top Ten, ottavo assoluto, quarto Under 23.

"La granfondo di ieri con i suoi 1.600 metri di dislivello in soli 36 chilometri non era delle più facili per me, non era semplice essere con i primi.  Appena partito mi sono portato nel gruppo di testa e sono riuscito a starci per buona parte della lunga salita verso Campogrosso, fino a quando mi sono poi mi sono accorto che era un'andatura che non sarei riuscito a tenere per tutta la gara e quindi ho scelto il mio ritmo.  Sono riuscito a gestirmi bene finchè il dislivello si è fatto sentire nelle gambe e ho avuto un pò di problemi con i crampi, arrivato alla prima discesa ho forato dopo poche centinaia di metri ma per fortuna sono riuscito a sistemare la ruota senza perdere troppo tempo.  In conclusione sono contento e soddisfatto di come è andata la gara, sto iniziando a prendere un pò' di confidenza anche con le gare su lunga distanza"

(Fotografia © Maurizio Bertazzon - Treviso MTB)

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie