Sport
Gare sotto la pioggia

Pavan Free Bike conclude la stagione in Grigna

Pioggia e freddo per la staffetta bike+run e quasi podio per Andrea Artusi che nella gara di casa fa l'ultima di stagione insieme al fratello. Paola Bonacina e Andrea Paleari tra i primi della prova individuale.

Pavan Free Bike conclude la stagione in Grigna
Sport Caratese, 11 Ottobre 2022 ore 15:49

Pavan Free Bike ha concluso la stagione con la tradizionale Staffetta DF Sport Specialist Bike+Run, appuntamento classico di inizio autunno, arrivata quest'anno all’undicesima edizione.

Pavan Free Bike conclude la stagione in Grigna

Prima frazione in mountain bike da Pasturo fino all'Alpe Cova lungo un percorso di circa 9 chilometri con 650 metri di dislivello dove i biker hanno passato il testimone ai runner che nella seconda frazione con una salita di 450 metri di dislivello in soli tre chilometri sono risaliti fino al Bivacco Riva-Girani (1.850 metri sl/m), un appuntamento imperdibile per i circa 200 partecipanti, che in questa edizione hanno affrontato i propri limiti sotto una pioggia battente.

Sotto la pioggia battente

Le difficili condizioni meteo non sono riuscite a minare il bilancio della Bike & Run, a dirlo sono i numeri con 44 staffette da due concorrenti e 56 atleti singoli che hanno gareggiato sia nella frazione in MTB che in quella a piedi.

Gaffuri e Milesi re della Grigna

Con il tempo finale di 51 minuti 35" Matteo Gaffuri e Lorenzo Milesi si sono confermati re della Grigna vincendo il Memorial Ermanno Riva e Piero Girani, al quarto posto Andrea Artusi in coppia con il fratello Roberto, ha chiuso in bellezza la sua quarta stagione in Pavan Free Bike, un ottimo risultato per i due fratelli di Pasturo nella gara di casa che però non li soddisfa del tutto.

"Volevo chiudere in bellezza questa bella e lunga stagione, ma non è stata la giornata migliore per me complice il freddo e la pioggia che proprio non sopporto. Ho fatto un tempo di ben due minuti più alto di quello fatto qualche giorno prima in prova, un crono che ci avrebbe consentito di giocarci il podio.  Era la gara di casa e ci tenevo a fare bene ma anche  un quarto posto non è da buttare visto il livello  degli avversari", ha detto il biker di Pasturo che ha affrontato l'impegnativa ascesa all'Alpe Coa in sella alla sua Superior XF 29 Elite con cui ha disputato un'eccellente stagione che lo ha visto 13 volte sul podio.

Nomi eccellenti del palcoscenico lecchese nella prova individuale, tra cui anche quelli di altri due atleti di Pavan Free BikePaola Bonacina e Andrea Paleari che hanno corso come singoli e dopo aver pedalato hanno fatto il cambio di scarpe per proseguire fino all'arrivo.

La classifica femminile

A primeggiare nella classifica femminile è stata la runner premanese Barbara Sangalli, inavvicinabile dalle avversarie sia in mountain bike che nella corsa, con Paola Bonacina quinta, mentre Andrea Paleari ha concluso al decimo posto nella singola maschile dove si è imposto Michele Bonacina, Campione Italiano Triathlon 2021.

Soddisfatto della stagione appena conclusa il Presidente Antonio Pavan:

"Anche quest'anno è stata la forza del gruppo a fare la differenza, molti successi e tanti podi anche in una stagione in cui abbiamo dovuto ricostruire un buon gruppo che è partito subito con il piede giusto.  Siamo stati competitivi dalla prima all'ultima gara, anche con i nostri atleti più giovani che hanno dimostrato una buona crescita.  I nostri numeri rendono l'idea del valore di un altro anno trascorso ad alti livelli, impreziosito dalla maglia tricolore di Alberto Riva.  Ci siamo presentati al via del 2022 con una formazione ridotta nei numeri ma non nella qualità, eppure il nostro punto di forza è stato ancora lo spirito di gruppo che insieme all'amicizia e l'entusiasmo sono da sempre i nostri caratteri distintivi, quelli per cui è da sempre conosciuta Pavan Free Bike e a cui resteremo fedeli anche nel 2023"

(Fotografie © Giretto Associazione)

Seguici sui nostri canali
Necrologie