Attualità
Le Comunità della salute

A Cesano Maderno un poliambulatorio solidale con medici specialisti volontari

Un luogo dove “prendersi cura, non lasciando indietro nessuno”; mercoledì una serata per saperne di più.

A Cesano Maderno un poliambulatorio solidale con medici specialisti volontari
Attualità Seregnese, 25 Marzo 2022 ore 09:08

A Cesano Maderno si avvia alla fase realizzativa il Poliambulatorio solidale con medici specialisti volontari. Se ne parlerà mercoledì 30 marzo, alle 20.30, in Sala Aurora di Palazzo Arese Borromeo durante l’incontro “Prendersi cura, non lasciando indietro nessuno”.

A Cesano Maderno un poliambulatorio solidale

Relatore il dottor Filippo Viganò, presidente dell’associazione Le Comunità della Salute, dalla cui esperienza nasce il progetto del Poliambulatorio solidale, in collaborazione con l’Amministrazione comunale, Auser, Ats e Asst. “Il servizio è dedicato a chi ha bisogno di cure mediche ma non può permettersi di pagare visite ed esami, trovandosi in condizioni socio-economiche difficili - spiega l’assessora alla Coesione e Inclusione sociale, Simona Buraschi - L’Amministrazione comunale è impegnata a 360 gradi sul tema della prossimità, con diverse iniziative: questo progetto rappresenta un ulteriore esempio di questa attenzione. Ringrazio tutti coloro che vi hanno contribuito e in particolare il dottor Filippo Viganò”.

Il servizio aprirà in via San Carlo

Il servizio aprirà nei locali di via San Carlo già assegnati alle Comunità della Salute. “Sul territorio sarà un luogo di riferimento e di servizio per il sollievo e la cura, dedicato a chi è maggiormente in  difficoltà a rapportarsi con le strutture ordinarie” afferma il dottor Filippo Viganò, ideatore e responsabile del progetto. Un tassello fondamentale nella costruzione di una rete territoriale in grado di facilitare l’accesso alla diagnosi e alla cura per i cittadini e le famiglie che vivono situazioni difficili. I pazienti saranno indirizzati alla struttura dai Servizi sociali, dalla Caritas e dalle tante associazioni che sul territorio sono vicine ai cittadini e soprattutto dai medici di famiglia, responsabili della cura della persona e cardini tra paziente e Sistema sanitario.

L'assessore: "Così anticipiamo il futuro"

“Prende forma una realtà importante, che si integrerà in quella che sarà la Casa di comunità prevista da Regione Lombardia - commenta l’assessore ai Servizi alla persona, Alberto Paolo Vaghi - Lavoriamo in un’ottica di rete, anticipando il futuro”.  “Dopo il lungo stop imposto dall’emergenza sanitaria, finalmente siamo arrivati al momento della concretizzazione di un percorso del quale siamo particolarmente soddisfatti, perché  rappresenta una risposta di qualità e di valore ai bisogni della città” conclude la consigliera comunale Cinzia Battaglia, che segue fin dall’inizio il progetto.

(Nella foto: il sindaco Maurilio Longhin con gli assessori Simona Buraschi e Alberto Vaghi, la consigliera comunale Cinzia Battaglia e il dottor Filippo Viganò)

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie