Menu
Cerca
La benemerenza civica

Assegnati i riconoscimenti Corona Turrita a Desio: tutti i nomi

Si tratta di personalità e organizzazioni che si sono distinte in vari ambiti della vita cittadina. Tra questi la Croce Rossa e l'Ospedale di Desio.

Assegnati i riconoscimenti Corona Turrita a Desio: tutti i nomi
Attualità Desiano, 28 Maggio 2021 ore 14:41

Sono ufficiali i nomi delle dieci personalità e organizzazioni desiane che si sono distinte in vari ambiti della vita cittadina desiana e che potranno fregiarsi della benemerenza civica Corona Turrita, istituita dal Comune di Desio nel 1988. La commissione che giudica le candidature giunte in Comune, ha selezionato i premiati. La Giunta Comunale presieduta dal Sindaco Roberto Corti ha quindi recepito il responso approvando la delibera che assegna i riconoscimenti.

Assegnati i riconoscimenti Corona Turrita a Desio: i nomi

Il pubblico tributo è stato assegnato alla memoria di Elena Barbieri, detta Tina, a Rinaldo Rech, scomparsi recentemente e che nel corso della loro vita hanno lasciato un importante segno nella comunità scolastica e culturale desiana. Sempre alla memoria la Corona Turrita è stata assegnata anche al Maresciallo Paolo Franco Bernabei, per anni capo del Comando desiano dei Carabinieri.

Pubblici riconoscimenti sono stati assegnati al Gruppo Campanari della Basilica per la loro infaticabile missione di conservare la tradizione del concerto di campane datato 1799; a Davide Mauri, per l’impegno profuso per l’inclusione sociale delle persone sorde; ad Albino Valtorta, detto Nino, per il suo lavoro a favore dello sport per tutti e per essere uno dei fondatori del Centro Sportivo Desiano; all’Associazione Scuola di Italiano per stranieri “Il Centro”, per la sua opera di inclusione delle persone straniere (donne, uomini, ragazzi) attraverso l’insegnamento della lingua italiana; a tutto il personale dell’Ospedale di Desio, per il formidabile impegno nel contrastare la pandemia e per curare le persone colpite dal covid; all’azienda Flowserve, precedentemente Worthington, che da anni si distingue con iniziative di solidarietà e di inserimento lavorativo di persone in disagio. Un importante riconoscimento è andato infine alla Croce Rossa a tutti i suo volontari per l’infaticabile lavoro svolto in molti ambiti e nel recente periodo per contrastare l’emergenza pandemica.

Menzioni speciali

Sono state assegnate anche due menzioni speciali alla Scuola primaria Gavazzi per lo storico impegno nelle formazione ed accoglienza di generazioni di bambini e a don Renato Villa per le sue opere soprattutto a favore dei più deboli.

Il Comune e la Commissione, anche in relazione al grande impegno profuso nel contrasto all’emergenza pandemica, hanno voluto riconoscere menzioni speciali ad associazioni e persone che si sono distinte in vari contesti, dando il loro piccolo e grande contributo durante le diverse ondate. I premiati sono: la Caritas, il Banco di Solidarietà Santa Teresa di Lisieux, l’Associazione San Vincenzo, i volontari della Sala Levi, i volontari AUSER, Desio Città Aperta, la Proloco Desio, il Comitato e Contrade Palio degli Zoccoli, il Gruppo Alpini Desiani, la Protezione Civile, Emanuele Procacci, Martino Marrella e tutte le Forze dell’Ordine: Carabinieri, Vigili del Fuoco, Polizia Locale.

Corti: "L'occasione per dire grazie a coloro che ci hanno aiutato ad affrontare la pandemia"

“Il premio Corona Turrita - commenta il Sindaco Corti - è l’occasione per ringraziare chi si dedica alla nostra comunità impegnandosi negli ambiti più diversi ma tutti senz’altro utili al bene della collettività, anche di chi ha più bisogno, dalle persone con disabilità a chi vive il disagio. E’ un’occasione importante per rinnovare la comune memoria storica di riti e tradizioni che accomunano vecchi e nuovi desiani, per riconoscere un pubblico tributo alle realtà associative che contribuiscono a rendere vivo e solidale il nostro tessuto sociale. Quest’anno è anche l’occasione per dire grazie a coloro che hanno aiutato tutti noi ad affrontare la tremenda emergenza pandemica che purtroppo ha mietuto molte vittime anche nella nostra comunità. Un’emergenza che non è ancora conclusa ma da cui finalmente vediamo una possibile via di uscita grazie ai vaccini e, ancora, grazie al lavoro del personale sanitario sempre in prima linea per darci l’indispensabile aiuto e conforto”.

La consegna delle benemerenze cittadine si terrà sabato 12 giugno alle 10 in Villa Tittoni. In caso di maltempo, la cerimonia sarà rinviata al sabato successivo 19 giugno.

Necrologie