Attualità
Berlassina

«Attenzione, questa è una zona di spaccio»

In fondo a via Paganini, all’ingresso del Parco Groane, è apparsa una scritta con indicazioni per raggiungere l’area dove ricevere la droga.

«Attenzione, questa è una zona di spaccio»
Attualità Desiano, 29 Maggio 2022 ore 15:00

Un messaggio che fa riflettere e che ha attirato l’attenzione di cittadini e frequentatori del Parco delle Groane.
Vicino al cartello all’ingresso dell’area verde, in fondo a via Paganini a Barlassina, è stato scritto un messaggio molto chiaro: «Attenzione. Qui spaccio droga. Entrata. Prendere il numerino», con tanto di freccia disegnata e in aggiunta la scritta «La prima a destra».

«Attenzione, questa è una zona di spaccio»

Una scritta che fa presupporre come non si tratti di vere e proprie indicazioni per chi è in cerca di sostanze stupefacenti, ma che si tratti piuttosto del contrario, ovvero di un gesto compiuto da chi non si rassegna a lasciare quell’area allo spaccio e all’abbandono. Alcuni cittadini, anche nelle scorse settimane, avevano segnalato strani movimenti e il rischio di attività di spaccio. La zona è piuttosto appartata, lontana da occhi indiscreti, e solo i frequentatori del Parco possono notare movimenti strani.

«Non si può parlare di un’area. E’ cambiato il modo di spacciare e ogni angolo può essere buono per vendere o procurarsi droga. E’ vero che quando ci sono interventi importanti delle forze dell’ordine nel Parco delle Groane tra Cesano e Ceriano qualcuno si sposta nella nostra zona - ha affermato il sindaco Piermario Galli - L’area di via Paganini è stata riqualificata una decina di anni fa con un parco giochi, una casetta dell’acqua, una ventina di orti e una nuova pista ciclabile, anche per questo motivo. Come Amministrazione stiamo garantendo più controlli, stiamo aderendo con altri Comuni al pattugliamento intercomunale e abbiamo partecipato a un bando di Regione per implementare le telecamere nei parchi di Barlassina. La sicurezza è sempre stata tra le priorità. Il progetto telecamere in continua evoluzione, la collaborazione quotidiana con le forze dell’ordine e il territorio vivo grazie alle associazioni fanno sì che Barlassina sia sicura. Non abbiamo bisogno di “sceriffi”, che spesso creano solo confusione».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie