Attualità
Monza

Boom di richieste per le casette dell'acqua in condominio

Sono oltre 50 i condomini che hanno aderito alla «manifestazione d’interesse» per l’installazione di erogatori di acqua di rete. 

Boom di richieste per le casette dell'acqua in condominio
Attualità Monza, 28 Maggio 2021 ore 10:15

E' boom di richieste per le casette dell'acqua in condominio a Monza. Sono infatti oltre 50 i condomini che hanno aderito alla «manifestazione d’interesse» per l’installazione di erogatori di acqua di rete.

Casette dell'acqua in condominio: un'idea che piace a molti

Sono 52 i condomini che hanno aderito al progetto pilota, denominato "VerdeAcqua", che, grazie ad un protocollo di intesa siglato tra Comune di Monza e BrianzAcque, porterà le «casette dell’acqua» per il momento in dieci condomini monzesi.

Acqua a «Km.0» in dieci condomini

Nella fase di start up del progetto gli erogatori dell’acqua in versione liscia o gasata, a temperatura ambiente o fredda, saranno installati in dieci condomini costituiti da un minimo di dieci a un massimo di quaranta unità abitative. I condomini «selezionati» in ordine di presentazione della domanda si trovano nei quartieri Regina Pacis/San Donato (4 condomini), San Fruttuoso (2), Triante (2), Libertà (1) e San Biagio (1). Entro l’1 luglio le assemblee condominiali dovranno deliberare l’installazione degli erogatori. In assenza dell’atto deliberativo il Comune provvederà a scorrere la graduatoria e a individuare i condomini successivi.

"A luglio –  spiega l’Assessore all’Ambiente Martina Sassoli – faremo una valutazione dei risultati del progetto pilota e visto l’alto numero di adesioni, se ci saranno le condizioni, dopo l’estate potremmo pensare a una seconda fase per coinvolgere altri condomini".

Modalità di installazione e costi

La fornitura, posa, collaudo e messa in servizio degli erogatori è a carico di BrianzAcque, che garantirà per il primo anno - oltre al comodato d’uso gratuito - anche il servizio di manutenzione full service, compresa la fornitura delle ricariche delle bombole di CO2 per l’acqua gasata.

Il costo del prelievo dell’acqua è definito dalle tariffe del servizio idrico integrato e confluirà direttamente nella bolletta. A partire dal secondo anno il costo del comodato d’uso, la manutenzione ordinaria e straordinaria e il rifornimento di CO2 per l’acqua gassata saranno a carico del condominio.

Il costo annuo a carico del condominio, dopo il primo anno gratuito, sarà di 2 mila euro, comprensivo del servizio di manutenzione, mentre la ricarica di CO2 è quantificata in 6,08 euro/kg.

"Le famiglie monzesi vogliono una ripartenza green"

"La pandemia ci ha insegnato che dobbiamo modificare i nostri stili di vita, ancora di più all’insegna della sostenibilità  - ha dichiarato l’Assessore all’Ambiente Martina Sassoli. Con il lockdown abbiamo riscoperto il valore della nostra casa e della qualità dell’acqua di rete. In questo scenario abbiamo pensato a un progetto innovativo, “VerdeAcqua”, la prima soluzione per l’erogazione dell’acqua dedicata ai condomini: self service idrici, che dispensano “acqua alla spina” all'interno di contesti abitativi condominiali. Il successo del progetto è la dimostrazione che le famiglie monzesi hanno compreso che la ripartenza deve essere green".

Necrologie