Attualità
A Seveso

Diossina nel Bosco delle Querce: "Le analisi effettuate escludono pericoli di natura ambientale"

Incontro in Fla con i tecnici di Ersaf e l'assessore regionale Raffaele Cattaneo.

Diossina nel Bosco delle Querce: "Le analisi effettuate escludono pericoli di natura ambientale"
Attualità Seregnese, 29 Settembre 2022 ore 15:13

Diossina nel Bosco delle Querce: "Le analisi effettuate escludono pericoli di natura ambientale". Incontro in Fla con i tecnici di Ersaf e l'assessore regionale Raffaele Cattaneo.

Il Bosco delle Querce è in salute

Il Bosco delle Querce sta benone, gode di ottima salute. È la risposta unanime, su basi scientifiche, emersa dalla serata di mercoledì 28 in Fla in occasione dell’incontro pubblico organizzato dall’Amministrazione di Seveso a cui hanno partecipato esponenti di Regione Lombardia e di Ersaf. C’erano l’Assessore all’Ambiente e Clima Raffaele Cattaneo e il funzionario Giorgio Gallina, mentre per Ersaf Luca Grimaldi della Struttura Sistemi Agroforestali Lombardia Ovest e Montagna che ha avuto il compito di illustrare i risultati dell’attività tecnica svolta da Ersaf per conto di Regione Lombardia sulle vasche di Seveso e Meda.

Cosa ha fatto Ersaf

Cosa ha fatto Ersaf a partire da dicembre 2021? Contenimento del verde con potature di arbusti e piante per esecuzione rilievi; ripresa delle attività di rimozione del percolato già periodicamente eseguite dal
Comune di Seveso; verifiche di integrità e funzionalità delle strutture e degli impianti di rimozione del
percolato, e avvio della progettazione degli interventi di manutenzione straordinaria; ricostituzione della rete di monitoraggio topografico ed esecuzione di rilievi topografici e aerofotogrammetrici; esecuzione di rilievi geofisici (georadar e geoelettrici) per verificare spessori e integrità delle coperture; monitoraggio delle acque sotterranee e dell’atmosfera in prossimità degli sfiati; monitoraggio delle atmosfere nei luoghi di lavoro (locali tecnici).

Monitoraggio acque e atmosfere

Il monitoraggio delle acque ha evidenziato come “Tutti i parametri rispettano le Concentrazioni Soglia di Contaminazione fatta eccezione per alcuni solventi clorurati, presenti anche nei piezometri di monte e non riconducibili alla presenza delle vasche. I valori riscontrati inoltre sono in linea con quanto già riscontrato da Arpa a seguito dei monitoraggi eseguiti nel 2013 e 2016 e attribuibili ai valori di fondo normalmente presenti in tutta l’area a nord di Milano. con una lieve contaminazione diffusa di fondo di solventi clorurati, proveniente da monte della falda superficiale". Nello specifico si rileva che le concentrazioni di diossina sono in ogni caso sempre inferiori alle Concentrazioni Soglia di Contaminazione (0.001 contro il valore di soglia pari a 0.004). Anche il monitoraggio delle atmosfere dei locali tecnici ha consegnato esiti ottimali.

Seveso, incontro in Fla per lo stato di salute del Bosco delle Querce
Seveso, incontro in Fla per lo stato di salute del Bosco delle Querce

"Diossina, mai state situazioni di criticità"

"Non ci sono mai state situazioni di criticità particolari nel Bosco delle Querce. I dati attuali confermano le analisi che nel corso degli anni Regione Lombardia ha avuto modo di verificare prima sulla base della convenzione con il Comune di Seveso che si occupava della gestione delle vasche e direttamente nella fase più recente. Ritengo incomprensibile come improvvisamente un po’ di tempo fa si sia riaccesa una preoccupazione fortissima che non sembra basata su evidenze fattuali e che mi risulta difficile comprendere quale scopo possa avere avuto. È stato un allarme del tutto infondato - sottolinea Cattaneo - Tutte le analisi effettuate escludono un pericolo di natura ambientale. Non ci sono mai state evidenze di contaminazioni dovute al mal funzionamento delle discariche. Certo, stiamo parlando di manufatti che oramai hanno quarant’anni ed è normale che necessitino di alcuni interventi, già finanziati, del tutto all’interno dell’ordinarietà della vita di strutture di questo genere". Cattaneo, al termine della serata, ha aperto nuovamente al Comune di Seveso per la gestione delle vasche e i relativi controlli. "Il Comune di Seveso sceglierà in futuro cosa fare e in tutta libertà ben sapendo che avrà Regione Lombardia sempre al suo fianco. Se riterrà di assumersi questo onere direttamente siamo disposti a valutare le modalità affinché possa avvenire".

"Il Bosco è vivo e sta bene"

"«Il Bosco delle Querce sta bene, è vivo, è controllato e monitorato costantemente. La sicurezza ambientale è garantita per tutti i cittadini che quotidianamente lo frequentano. La bontà dei dati illustrati da Ersaf vale ancora di più se consideriamo che in questi mesi sono state effettuate anche analisi non obbligatorie rispetto ai protocolli canonici, significa che si è andato anche oltre nelle indagini per poter dire tranquillamente che oggi non c’è alcun pericolo di contaminazione" la chiosa del sindaco Alessia Borroni.

"Campo sgombrato da ipotesi non veritiere"

All'incontro che si è svolto in Fla era presente tra il pubblico anche il consigliere regionale Alessandro Corbetta (Lega). "L’assessore Cattaneo ha ribadito, in maniera più approfondita e sulla base di rilevazioni e dati aggiornati, che non esiste alcuna pericolosità per i cittadini e che la gestione delle vasche è sotto controllo. Una conferma di quanto avevamo già affermato dopo le dimissioni dell’ex sindaco Allievi l’anno scorso - afferma Corbetta - L’incontro è servito a sgombrare il campo da ipotesi non veritiere e da falsi allarmi sulla possibilità di uscita di percolato dalle vasche, così come era stato paventato da esponenti della precedente Giunta. Immediatamente dopo le dimissioni di Allievi, ci siamo mossi per spiegare ai cittadini come non ci fossero problemi e tantomeno pericoli derivanti dalle vasche di contenimento. Rimane lo sconcerto nei confronti di chi ha utilizzato questa vicenda come pretesto per le proprie dimissioni e lo sconcerto misto a sdegno per il fatto che si è voluto allarmare la cittadinanza con lo scopo di coprire i veri motivi di una scelta che ancora oggi appare incomprensibile”.

Seguici sui nostri canali
Necrologie