Ospedale

Carate, in pensione la caposala "nonna" di Neonatologia

Giuseppina Redaelli festeggiata in reparto dove ha lavorato per quarant'anni e dove ha assaporato la gioia di diventare nonna...

Carate, in pensione la caposala "nonna" di Neonatologia
Attualità Caratese, 23 Giugno 2021 ore 09:43

Festa nel reparto di Pediatria e Neonatologia dell'ospedale di Carate Brianza per il saluto alla storica caposala.

A riposo dopo 40 anni di servizio a Carate

In ospedale ci era entrata che non aveva ancora vent’anni, venerdì l'altro18 giugno si è congedata definitivamente dal lavoro con la gioia di essere diventata nonna di una bellissima nipotina, nata lo scorso 15 aprile.
Giuseppina Redaelli, classe 1961, ha raggiunto la meritata pensione dopo quarant’anni di lavoro in corsia e in quel reparto - quello di Pediatria e Neonatologia, per anni affidato allo storico primario Andrea Sterpa e oggi diretto dalla dottoressa Patrizia Calzi - dove è diventata caposala e dove è stata un’autentica istituzione.

Per i medici e per i colleghi insieme ai quali si è presa cura di oltre sessantamila bebé dopo il parto, ma anche per mamme e papà per i quali è stata un vero e proprio punto di riferimento.

Un traguardo salutato con una festicciola e un brindisi per la «Pinky», come la conoscono tutti in ospedale. Un nomignolo che le era stato affibbiato appena assunta, nell’agosto del 1981, e che si è poi portata dietro fino al raggiungimento della pensione.

L’ultima gioia, prima di appendere per sempre «al chiodo» la divisa di coordinatrice infermieristica, la nascita della nipotina Ginevra, venuta alla luce all’ospedale cittadino lo scorso 15 aprile e che riempirà i giorni di meritato riposo che la aspettano ora da nonna.

Un’emozione unica per lei che per quarant’anni, si è presa cura di migliaia di bambini e bambine di tutta la Brianza dedicando le doverose attenzioni e le puntigliose premure nel bellissimo ma sempre delicato percorso dei primi giorni post-nascita.

Necrologie