Attualità
Progetto

Carate, sopralluogo sulla pista di atletica prima del restyling

L'anello dell'impianto sportivo del XXV Aprile sarà riqualificato. Il primo cittadino e il consigliere delegato allo Sport hanno incontrato i baby atleti della Daini.

Carate, sopralluogo sulla pista di atletica prima del restyling
Attualità Caratese, 08 Ottobre 2021 ore 15:51

Graditissimo sopralluogo del sindaco al campo sportivo di via XXV Aprile a Carate Brianza per visionare lo stato effettivo della pista in previsione dei lavori di rifacimento del manto recentemente deliberato dalla Giunta.

Incontro con la Daini Carate

Ad attendere il primo cittadino Luca Veggian - accompagnato da Giovanni Emanuele Chin, consigliere di Forza Italia con delega allo Sport - c'erano il direttore sportivo della «Daini» Tiziano Crippa, con il presidente Stefano Pozzi e il segretario Giovanni Tosetti oltre a circa 120 baby atleti delle scuole elementari e delle medie che frequentano i corsi di avviamento all’atletica organizzati dal gruppo sportivo giallo-verde di Carate Brianza.

Veggian ha incontrato anche Francesca Bianchi, promessa dell’atletica a livello nazionale nel salto in alto, reduce da una straordinaria medaglia di bronzo ai campionati italiani di categoria accompagnata dalla allenatrice Michela Pellanda.

Carate
Il sindaco Luca Veggian con il consigliere delegato allo Sport, Giovanni Emanuele Chin e la giovane atleta Francesca Bianchi insieme alla sua allenatrice Michela Pellanda

Centomila euro per la riqualificazione dell'anello

Sono centomila gli euro messi a bilancio per mettere a nuovo la pista di atletica del centro sportivo comunale XXV Aprile di Carate Brianza con tanto di omologazione Fidal, la Federazione italiana di atletica leggera. L'Esecutivo due settimane fa ha deliberato il progetto definitivo-esecutivo per la riqualificazione dell’impianto da tempo alle prese con «problemi di manutenzione» per i quali da anni le società sportive che la utilizzano per allenamenti e gare avevano fatto la «voce grossa» per invocare un intervento risolutivo.

«Per il progetto erano già stati aggiornati gli strumenti di programmazione, stanziando una somma cospicua per la riqualificazione. Lo stato di ammaloramento era stato aggravato dal pessimo rattoppo effettuato sul tratto del rettilineo realizzato da chi ci ha preceduto. A detta degli atleti quell’intervento era diventato davvero pericoloso e causa di possibili infortuni dovuti alla superficie non conforme al resto dell’impianto», ha spiegato il sindaco Luca Veggian, che proprio nel giugno 2018, in piena campagna elettorale, aveva girato anche un video-messaggio postato poi sui canali social con la promessa di mettere a mano alla struttura.

Sul costo totale del progetto, 77 mila euro saranno utilizzati per i lavori a gara, la rimanente quota, invece, per spese tecniche legate appunto al collaudo, alla omologazione Fidal oltre a oneri e Iva.
«Quello che era stato promesso tre anni fa oggi viene realizzato - puntualizza ancora Veggian - Gli interventi legati alla manutenzione straordinaria degli impianti, specie di quelli sportivi, sono stati numerosi in questo prima parte di mandato. In questo caso sono davvero soddisfatto e, ancora una volta, ringrazio gli uffici che sono riusciti a concretizzare quanto nelle previsioni del programma elettorale della coalizione». Approvato il progetto definitivo, entro l’anno saranno appaltati i lavori per dare poi avvio al cantiere in primavera. Tre i mesi previsti per la realizzazione.

Il progetto

La pista di Carate Brianza - un anello a 6 corsie affiancato da impianti sul prato per siepi, lungo, peso, alto, giavellotto, triplo, asta, martello e disco - era stato realizzato agli inizi anni ‘80 con manto sintetico. Dopo l’intervento di retopping sul rettifilo la parte di manto restante (anello, lunette e attrezzature) - secondo la relazione tecnica allegata al progetto - risulta piuttosto usurata, anche se non gravemente degradata. Omologato nel 1984, l’impianto è dotato di parere Coni che rileva, però, la mancata distanza regolamentare tra pista e l’uscita del tunnel. Successivamente alla realizzazione della pista ed alla sua omologazione era stato realizzato il tunnel di collegamento del campo da calcio con gli spogliatoi.

Il progetto deliberato in Giunta prevede un intervento necessario per rendere pienamente funzionale quanto già esistente nell’impianto atto ad ospitare le discipline dei 100, 110 metri in prossimità della tribuna spettatori e due porzioni delle parti in curva dell'anello, per una superficie complessiva di 5120 metri quadrati. Il nuovo manto che verrà steso avrà spessori e caratteristiche secondo i Regolamenti tecnici Fidal-Iaaf per l'omologabilità e la certificazione dei manti superiori sintetici per gli impianti di atletica leggera.

 

Necrologie