Attualità
Il caso

Clamoroso a Ornago: i dipendenti comunali "sfiduciano" il sindaco

Durissima lettera nei confronti di Daniel Siccardi e del Segretario Antonella Maria Carrera.

Clamoroso a Ornago: i dipendenti comunali "sfiduciano" il sindaco
Attualità Vimercatese, 05 Novembre 2021 ore 09:22

Clamoroso a Ornago: i dipendenti comunali "sfiduciano" il sindaco. Durissima lettera dei lavoratori del Municipio contro Daniel Siccardi e il Segretario comunale Antonella Maria Carrera.

Nuovo terremoto in Comune

Una lettera durissima, in cui si esprimono forte malcontento e disagio nei confronti del sindaco Daniel Siccardi e del Segretario comunale Antonella Maria Carrera. E' quella inviata (e protocollata) nella giornata di ieri, giovedì 4 novembre 2021, dai dipendenti comunali a tutti i membri dell'Amministrazione, ai consiglieri comunali e ai rappresentanti sindacali (sia interni all'Ente che territoriali), oltre che ovviamente allo stesso primo cittadino e al Segretario. Una missiva molto lunga, in cui vengono a galla tutte le criticità solo in parte affiorate nei mesi scorsi, quando l'attuale Amministrazione aveva dovuto affrontare, nel giro di pochi mesi, l'addio del vicesindaco Annalisa Bianchini, del presidente del Consiglio comunale Paola Vicari, dell'assessore esterno Giuseppe Salerno e del consigliere Piera Tremolada. Una vera e propria emorragia, parzialmente tamponata dall'ingresso in maggioranza dell'ex esponente di minoranza Alessandra Donato. Ieri, quindi, un nuovo durissimo colpo a una Giunta sempre più in difficoltà. Nella lettera, i dipendenti comunali si dicono preoccupati per numerosi motivi. A cominciare dall'assenza di personale, per poi proseguire con l'atteggiamento del sindaco Siccardi ritenuto poco corretto nei confronti tanto degli uffici quanto della cittadinanza.

"Troppo spesso in molti uffici e anche i dipendenti impegnati sul territorio, si sono sentiti dire dai cittadini "me lo ha detto Daniel!" (nemmeno "me lo ha detto il sindaco"), riportando che il sindaco avrebbe fornito informazioni ai cittadini che gli impiegati hanno poi rilevato essere approssimative, incomplete, poco chiare e in alcuni casi addirittura errate - si legge nella lettera - In altre occasioni si è riscontrato come il sindaco non indirizzi i cittadini agli uffici ma si sostituisca ai dipendenti dell'erogazione di risposte e servizi, screditando così il lavoro degli uffici, la competenza dei dipendenti e rendendo poi difficile il rapporto Uffici-cittadini e inficiando la corretta gestione degli iter che da alcune procedure derivano".

I dissapori con il Segretario comunale

Altro punto centrale della lettera è quello riguardante il rapporto instauratosi tra uffici e Segretario comunale, oltre che tra la stessa dottoressa Anna Maria Carrera e il sindaco Siccardi.

"Il clima di scarsa collaborazione e reciproca sfiducia che si è venuto nel tempo a creare tra le Posizioni Organizzative e il Segretario comunale fa sì che gli apicali dell'Ente non abbiano tra loro un dialogo aperto, momenti di confronto e programmazione - continua la lettera - Ciò comporta che sempre più spesso gli altri dipendenti siano chiamati a riferire decisioni assunte o indicazioni procedurali, impartite dal Segretario comunale nei confronti degli altri Responsabili di Area. Inoltre, da un paio d'anni, sono stati stravolti processi consolidati, riconosciuti da tempo funzionali ed efficaci, senza averne una piena conoscenza e sostituendoli con nuovi processi che non sono stati condivisi e concordati con tutte le parti interessate, in nome di una presunta "modernizzazione dell'Ente".

Proprio il Segretario comunale, già protagonista nelle scorse settimane di duri scontri verbali con alcuni membri di minoranza nei vari Consigli comunali, è al centro di dure accuse nell'ultima parte della lettera.

"Da ultimo ci pare importante far presente che sempre più spesso i momenti di confronto tra i dipendenti e il Segretario esitano in vere e proprie sfuriate, con il Segretario comunale che si rivolge all'interlocutore di turno con toni accesi ed espressioni arroganti. A tali confronti spesso presenziano sindaco o altri rappresentanti dell'Amministrazione che fino ad ora non hanno ritenuto di dover intervenire rispetto ai modi adottati, avallando pertanto l'utilizzo di tali modalità come normali nel confronto tra adulti e professionisti e non invece un esercizio distorto delle posizioni di potere rivestite".

L'attacco della Lega

La durissima lettera (di cui abbiamo riportato solo una parte) inviata dai dipendenti comunali non è ovviamente passata inosservata ai componenti del Consiglio comunale di Ornago. Nella serata di ieri, infatti, la sezionale ornaghese della Lega (presente in Consiglio a fianco della civica "Insieme per Ornago") ha attaccato duramente l'operato dell'Amministrazione, invocando nuovamente di fatto un passo indietro da parte del sindaco Daniel Siccardi e della Giunta.

"Ormai il clima interno al Comune di Ornago è completamente degenerato - si legge sulla pagina Facebook ufficiale di "Insieme per Ornago" - Il rapporto tra i dipendenti comunali e l'Amministrazione comunale in toto, dal sindaco ai membri della Giunta e dei Consiglieri di maggioranza è ai ferri corti, tanto che i​ lavoratori del nostro Comune, supportati dalle Organizzazioni Sindacali, hanno espresso formalmente i loro dissidi verso l'Amministrazione di maggioranza guidata da sindaco Siccardi. Questa situazione provoca la paralisi nello svolgimento delle attività dei dipendenti comunali portando alla generazione di disservizi​ di cui ne facciamo le spese noi cittadini. Infatti i dipendenti comunali hanno denunciato attraverso una missiva, il clima vessatorio e di annichilimento delle motivazioni professionali a cui il Sindaco li ha condotti. Ci chiediamo quanto deve ancora durare tale situazione di degrado sia umano che lavorativo nei rapporti tra l'Amministrazione guidata dalla maggioranza di Siamo Ornago ed i dipendenti comunali, prima che il Sindaco ed i membri della Giunta comprendano che ormai la misura è​ colma e solo le loro dimissioni possono riportare il sereno all'interno del Municipio".

Necrologie