Attualità
Seregno

Slitta la demolizione dell'ex clinica Santa Maria

Il Comune attende il via libera di Ats al piano di bonifica dell'amianto. Trovate quantità consistenti nel sottosuolo dell'immobile abbandonato.

Slitta la demolizione dell'ex clinica Santa Maria
Attualità Seregnese, 14 Settembre 2022 ore 08:26

E’ destinato a slittare l’avvio della demolizione dell’ex clinica Santa Maria di Seregno, inizialmente previsto per l’8 ottobre. Si attende il via libera di Ats Brianza al piano di bonifica dell’amianto presentato dal Comune.

Ex clinica Santa Maria, slitta la demolizione

Salvo imprevisti, sarà posticipato di circa un mese l’inizio della demolizione dell’ex clinica Santa Maria, il primo ospedale privato della città abbandonato dal 1971. I lavori sono affidati alla ditta Dsg Demolizioni Speciali di Casnigo, nella bergamasca, con un appalto del valore di circa 400mila euro. Il Comune, proprietario dell’immobile rilevato dall’Inps nel febbraio 2021, ha notificato ad Ats il piano di bonifica dell’amianto e attende il via libera all’intervento. In assenza di risposta, occorre attendere trenta giorni di silenzio assenso prima di poter procedere.

Tanto amianto nel sottosuolo

Le ispezioni dei tecnici nella proprietà comunale hanno permesso di accertare la consistente presenza di amianto nel piano interrato e nelle tubazioni del sottosuolo, che una volta venivano coibentate proprio con l’amianto. Del rudere in centro città rimarrà soltanto l’ex cappellina, che sarà riqualificata e destinata a spazio espositivo con finalità culturali.

Sorgerà il Polo dell'innovazione

Sull’area dell’ex clinica Santa Maria sorgerà il Polo dell’innovazione, con la sede dei corsi dell’Its Rizzoli, spazi per la formazione professionale avanzata, per lo studio e il coworking oltre a un incubatore per piccole e medie imprese innovative. Uno spazio aperto alla città e destinato in prevalenza ai giovani. Nei prossimi mesi il progetto in fase di elaborazione verrà proposto alla città, con momenti di confronto e approfondimento per raccogliere spunti e osservazioni.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie