Attualità
Bella notizia a Lissone

Dopo i restauri, riapre l'antica chiesa dell'Addolorata

Dopo cinque mesi di lavori il tempio dell'ex oratorio femminile è tornato al suo antico splendore

Dopo i restauri, riapre l'antica chiesa dell'Addolorata
Attualità Monza, 31 Ottobre 2022 ore 10:59

Dopo i lavori di restauro iniziati a giugno riapre la chiesa della Madonna Addolorata di Lissone.

Dopo i restauri, riapre l'Addolorata

E’ tornata al suo antico splendore dopo i lavori di restauro conservativo ormai non più rinviabili. Ieri, domenica pomeriggio, ha riaperto le porte ai fedeli la storica chiesa della Madonna Addolorata.

WhatsApp Image 2022-10-31 at 10.02.21
Foto 1 di 2
WhatsApp Image 2022-10-31 at 10.02.14
Foto 2 di 2

Il tempio di piazza Maria Bambina, infatti, lo scorso giugno era stato chiuso al culto per permettere a operai e restauratori di lavorare al completo ripristino dell’abside della chiesa dell’ex oratorio femminile.

Sistemate le infiltrazioni

Un lavoro lungo che è intervenuto sulle pesanti infiltrazioni che avevano intaccato sia il tetto che le pareti della cappella centrale.

Questa è una chiesa molto antica, la chiesa del primo oratorio di Lissone - hanno ricordato le Suore di Carità che curano il culto e gestiscono l’attigua scuola materna di Maria Bambina - La sua costruzione è cominciata a inizio Novecento grazie alle offerte delle ragazze dell’oratorio femminile. Questi lavori, ormai necessari, hanno riportato all’antico splendore l’abside e le pareti.

I lavori hanno riguardato l’adeguamento anche dell’impianto di illuminazione dell’altare maggiore, ricavato all’inizio del secolo scorso dall’altare barocco dedicato alla Madonna della vecchia Prepositurale che sorgeva al centro di piazza Libertà (l’altare maggiore della vecchia chiesa è oggi custodito nella chiesa di San Luigi in via Don Colnaghi).

I lavori hanno riportato alla luce i motivi decorativi e sulla volta sono anche state posate 140 stelle d’oro identiche a quelle presenti nella Prepositurale dei Santi Pietro e Paolo di piazza Giovanni XXIII.

LEGGI L'EDIZIONE DIGITALE DEL GIORNALE DI MONZA

Seguici sui nostri canali
Necrologie