Attualità
Incredibile

Insulti a PizzAut: "Gli autistici non dovrebbero cucinare"

Nico Acampora, "papà" dell'iniziativa, accusato di essere un "untore".

Insulti a PizzAut: "Gli autistici non dovrebbero cucinare"
Attualità 16 Giugno 2021 ore 17:12

"I ragazzi autistici non dovrebbero cucinare e lei è un untore perché glielo consente". Un incredibile insulto nei confronti di PizzAut e di Nico Acampora, residente a Muggiò, assessore a Cernusco sul Naviglio e "papà" della prima pizzeria gestita interamente da ragazzi autistici.

Insulti ai ragazzi di PizzAut

Come riportano i nostri colleghi di PrimaLaMartesana.it, la discussione è esplosa sui social network, dove è stato lo stesso Acampora a pubblicare gli insulti da parte di un utente, che ha sostenuto come i ragazzi autistici non dovrebbero preparare la pizza.

I post degli hater mi confermano che dobbiamo proseguire con maggiore determinazione per sconfiggere il virus dell'ignoranza. Noi lo facciamo con il sorriso e la pizza più buona della Galassia Conosciuta.
Chiederei a chi è titolato (studiosi, esperti di autismo e di medicina, educatori, genitori di ragazzi Aut o semplicemente chi ha mangiato da PizzAut) di spiegare a tutti noi se i ragazzi autistici producono, imparando a essere autonomi e quindi cucinando, dei pericolosi virus o altri agenti patogeni pericolosi per l'altrui salute.

La solidarietà

Acampora e i suoi ragazzi hanno incassato solidarietà da ogni dove, con decine di commenti che hanno difeso la bellissima iniziativa nata in Martesana e diventata oramai famosa in tutto il mondo. A esprimersi anche il capogruppo regionale del M5s Massimo De Rosa, che domani, giovedì 17 giugno 2021, sarà con alcuni portavoce del partito ospite a Cassina.

Domani, insieme ad alcuni portavoce del Movimento Cinque Stelle della zona Martesana, saremo in visita, e a pranzo, al ristorante PizzAut di Cassina de Pecchi. Avevamo prenotato tempo fa, ma questo fastidioso episodio non ha fatto altro che aumentare la nostra voglia di conoscere la loro realtà, le persone e l’impegno con cui ognuno sta dando il proprio contributo per farla vivere. Leggere degli insulti a un’iniziativa come quella di PizzAut lascia con una sensazione di grande fastidio. Perché se da un lato è vero che a queste offese non debba essere dedicato nemmeno un secondo, del prezioso tempo di chi lavora, dall’altro disturba pensare possano esistere haters capaci di spingersi così in basso.
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie