Attualità
Clamoroso

La dirigente scolastica perde il ricorso e deve lasciare il Comprensivo: "E' un'ingiustizia".

Sconcerto e rammarico a Meda per la stimata preside del Diaz restituita al ruolo di insegnante in Sardegna.

La dirigente scolastica perde il ricorso e deve lasciare il Comprensivo: "E' un'ingiustizia".
Attualità Seregnese, 04 Gennaio 2023 ore 16:39

Tiziana Trois non è più dirigente scolastica del Comprensivo Diaz. La preside in carica da settembre 2020 è stata restituita al ruolo di insegnante nella regione di provenienza. "Licenziata" in tronco, il 21 dicembre, come effetto delle sentenze sul  contestato concorso nazionale per dirigenti del 2017 a cui aveva partecipato. Sconcerto a Meda.

La preside deve lasciare l'Istituto comprensivo

Anche l’estremo tentativo giudiziario di mantenere l’incarico tanto inseguito e con fatica ottenuto è risultato vano. In una lettera indirizzata al ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara e al sottosegretario Paola Frassinetti, all’Ufficio scolastico regionale Lombardia, al sindaco Luca Santambrogio e all’assessora all’Istruzione Alessia Villa, tutti i docenti dell’Istituto comprensivo esprimono sconcerto e rammarico. Grande l’amarezza per la brusca interruzione "di relazioni professionali e personali che dal 2020 sono state costruite con pazienza e passione, creando un clima favorevole a un lavoro proficuo di cui la scuola ha, a nostro parere, beneficiato".

Il concorso per dirigenti scolastici bandito nel 2017

Tutto ha avuto inizio col bando di concorso del 2017, a cui ha fatto seguito una procedura ministeriale pasticciata, con diversi partecipanti alla selezione promossi alla prova scritta e orale salvo poi essere "bollati" dal Miur come non adatti a rivestire il ruolo per il mancato superamento della prova preselettiva. Trois era  stata ammessa con riserva in graduatoria e nel settembre 2020 era stata inviata a Meda in sostituzione della dirigente scolastica Wilma De Pieri. E’ riuscita ad affrontare la pandemia senza perdere di vista "la cura delle relazioni con il personale scolastico, gli alunni e le famiglie, la cura per una didattica inclusiva e una propositività progettuale innovativa a sostegno della verticalità dell'Istituto", raccontano i docenti  nella loro lettera, un sentito riconoscimento per il lavoro svolto con competenza, passione,  entusiasmo e lungimiranza dalla dirigente  negli ultimi due anni e mezzo.

L'amarezza della preside: "Non me lo meritavo"

Retrocessa al ruolo di docente  (è in attesa di una cattedra), Trois è rientrata, ferita e delusa,  nella "sua" Sardegna.  Raggiunta al telefono, risponde con la schiettezza che è la sua cifra: "Non me lo meritavo".  Poi scoppia a piangere. E spiega: "Ho passato sia le prove concorsuali scritte che quelle orali. Assurdo quello che è successo. Ho lasciato la mia terra in un  momento storico eccezionale e drammatico come la pandemia dedicandomi con tutta me stessa al Comprensivo Diaz di Meda. Sto ricevendo lettere, telefonate, messaggi e disegni da tantissime famiglie e alunni che mi stanno scaldando il cuore  e mi gratificano. Per me è un prezioso riconoscimento di quello che ho fatto in questi anni senza mai risparmiarmi: da donna di Stato quale sono ho servito lo Stato". Infine, un appello al governo Meloni che "ha all’ordine del giorno la nostra situazione: ci venga riconosciuto il merito".
All’Istituto comprensivo statale Armando Diaz torna, come reggente, la ex preside Wilma De Pieri, oggi alla guida dell’Istituto di istruzione superiore Marie Curie.

Seguici sui nostri canali
Necrologie