Attualità
Parole di grande affetto

La lunga dedica per il compagno di squadra: su Instagram il messaggio di Matteo Pessina per Marì

"Ciao fratellone. Ieri sera, alla telefonata del Dottor Galliani, mi è crollato il mondo addosso. Quella coltellata, con te, l’abbiamo subita tutti quanti nello stesso istante.

La lunga dedica per il compagno di squadra: su Instagram il messaggio di Matteo Pessina per Marì
Attualità Monza, 28 Ottobre 2022 ore 17:50

I compagni di squadra di Pablo Marì avevano chiesto di fargli visita già oggi . Sarebbero andati tutti a trovarlo all'ospedale Niguarda di Milano dove da ieri sera è ricoverato dopo essere stato accoltellato da un folle al centro commerciale di Assago, ma per oggi è stato deciso che è meglio lasciarlo riposare. Dopo l'importante intervento chirurgico a cui è stato sottoposto - e che è riuscito perfettamente - è ancora molto affaticato.

Il messaggio Instagram di Matteo Pessina per l'amico e compagno di squadra Marì

E nell'attesa di poterlo incontrare dal vivo, tra i primi a trovare le parole giuste per esprimere il sentimento che in questo momento sta vivendo l'intera squadra, è stato Matteo Pessina. Il Capitano del Monza ha avuto parole di grande affetto nei confronti del compagno di squadra, che fortunatamente potrebbe uscire dall'ospedale in pcihi giorni ma che dovrà attendere parecchio prima di poter tornare in campo.

Il messaggio Instagram

Ciao fratellone. Ieri sera, alla telefonata del Dottor Galliani, mi è crollato il mondo addosso. Nel nostro lavoro siamo pronti a molti imprevisti, cose brutte che possono accaderci da un momento all’altro e repentinamente cambiarci la vita. Ma quando mi hanno detto che sei stato coinvolto in un accoltellamento mentre eri in compagnia di tua moglie e tuo figlio sono stato travolto da pensieri che tuttora non mi danno pace. Con me tutti i compagni, lo staff e l’intero @acmonza

Quella coltellata, con te, l’abbiamo subita tutti quanti nello stesso istante. Sapere che una persona nella tranquillità di un giovedì pomeriggio, in un supermercato, possa subire una violenza del genere è difficile da accettare.

La notizia ha poi iniziato a circolare, mentre noi vivevamo sospesi in attesa di notizie che potessero quantomeno confortarci. “Come sta Pablo?”, “Ci sono novità?”… questi i messaggi che ci scambiavamo come fossero una preghiera, nella speranza che qualcuno ci dicesse qualcosa. Poi il Dottor Galliani ci ha comunicato che non eri in pericolo di vita ma che avresti dovuto subire un’operazione e che il percorso riabilitativo sarebbe stato lungo. Una notizia che per tutta la notte mi ha tenuto sveglio e continua non darmi pace. Non può essere accaduto tutto questo.

Noi, Pablo, ci consociamo da pochi mesi, ma ai ragazzi come te è difficile non legarsi subito. Sei entrato nel nostro spogliatoio in punta di piedi, con la professionalità e l’esperienza che solo i grandi uomini portano con sé. Fin da subito ti sei messo a disposizione di tutti, regalando ad ognuno di noi un sorriso e una parola di conforto nei momenti più bui e difficili. E oggi, siamo noi qui, tutti insieme a combattere e a stringerci attorno a te. Proprio come tu hai fatto sempre per noi. Lotteremo insieme a te e con te questa battaglia, con il sorriso e la forza che ci hai sempre dato. Sei una roccia, ti aspettiamo qui!

Un abbraccio alla tua meravigliosa famiglia. Un pensiero speciale ai feriti e alle loro famiglie, ma soprattutto a Luis Fernando Ruggieri, vittima di questa folle aggressione.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Matteo Pessina (@pessinamatteo)

(foto di copertina dal profilo Instagram di Matteo Pessina)

Seguici sui nostri canali
Necrologie