Attualità
Verano Brianza

La «Mutua sanitaria» aiuta la parrocchia e converte un prestito in donazione

Un regalo alla comunità da 10.000 euro

La «Mutua sanitaria» aiuta  la parrocchia e converte un  prestito in donazione
Attualità Caratese, 21 Aprile 2022 ore 18:21

Grande gesto di generosità da parte dell’associazione Mutua sanitaria di Verano, che ha dimostrato una grande attenzione verso la comunità.

Un "regalo" da 10.000 euro

Lo storico gruppo, che fino all’anno scorso era guidato dal compianto Giovanni Bonacina e ora prosegue la sua attività con Massimo Colombo, affiancato dal vice presidente, Pierangelo Zappa, durante la consueta assemblea dei soci, che si è svolta ad inizio aprile, ha preso un’importante decisione che va verso il sostegno alla parrocchia. Hanno infatti deciso di non chiedere la restituzione di un vecchio prestito in essere con la parrocchia, prestito pari a 10.000 euro e di trasformarlo in donazione  e si sono conquistati l’affetto e un grande grazie da parte del parroco.

I ringraziamenti del don

Don Luca Pezzolla l’ha voluto annunciare sul bollettino parrocchiale, esprimendo tutta la sua gratitudine. «Grazie, grazie grazie», titolava la comunicazione del parroco ai fedeli. «E’ doveroso ringraziare per questo gesto che viene incontro alle esigenze della comunità parrocchiale», ha sottoscritto il don. E in un momento in cui la parrocchia si trova a gestire una situazione economica delicata, con importanti debiti, la donazione dell’associazione assume un senso ancora più grande e apprezzato.

Scelta  condivisa da tutta l'assemblea

«La proposta era stata fatta dal Consiglio, ma la decisione finale spettava all’assemblea precisa il presidente Colombo - tutti insieme quindi pochi giorni fa, abbiamo stabilito di non riscuotere il prestito che era stato fatto nel 2017 alla parrocchia. Abbiamo rinunciato alla restituzione, considerata la situazione economica in cui versa la parrocchia».

IL SERVIZIO COMPLETO SUL GIORNALE DI CARATE IN EDICOLA

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie