Attualità
Il caso

Mezzago, per la biblioteca in arrivo i fondi... e le polemiche

Dalla Regione 500.000 euro per la riqualificazione della struttura.

Mezzago, per la biblioteca in arrivo i fondi... e le polemiche
Attualità Vimercatese, 09 Marzo 2022 ore 15:47

Mezzago, per la biblioteca in arrivo i fondi... e le polemiche. Il Comune si è aggiudicato 500.000 euro grazie alla vittoria del bando regionale legato alla riqualificazione urbana.

In arrivo 500.000 euro

Il dado è tratto. Nella giornata di venerdì è arrivata la notizia tanto attesa dall’Amministrazione comunale di Mezzago: da Regione Lombardia sono in arrivo 500.000 euro da utilizzare come fondi per la rigenerazione urbana. Tradotto: via libera all’ambizioso progetto di ricollocazione degli uffici comunali, che verranno trasferiti all’interno dell’attuale biblioteca. Un progetto che, c’è da scommetterci, non mancherà di rinfocolare le polemiche sorte nei mesi scorsi, quando l’Amministrazione comunale aveva annunciato la volontà di creare un unico "polo civico" in via Biffi.

"C’era grande attesa per l’esito del bando e ora siamo felici di poter contare su questi 500.000 euro che ci permetteranno di raggiungere un altro dei nostri obiettivi", spiega il sindaco Massimiliano Rivabeni.

Le polemiche non mancano

Quella riguardante la riqualificazione della biblioteca è un’operazione tanto ambiziosa quanto rischiosa, che ha già suscitato numerose polemiche, concretizzatesi nei mesi scorsi nella nascita dal comitato "Amo la biblio", in flash mob, conferenze, incontri e in una raccolta firme che ha coinvolto oltre 1.500 cittadini.

"Continuiamo a non capire la necessità di andare a toccare una delle eccellenze di Mezzago. A maggior ragione quando oltre 1.500 cittadini hanno già espresso la loro contrarietà al progetto", ha dichiarato il capogruppo di Mezzago Democratica Giorgio Monti.

Il servizio completo sul Giornale di Vimercate in edicola da martedì e disponibile su tutte le piattaforme multimediali.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie