Cesano Maderno

Movida selvaggia, dopo i controlli il sindaco pensa a nuovi provvedimenti

Longhin: "Non mi fermerò all'ordinanza anti-alcol".

Movida selvaggia, dopo i controlli il sindaco pensa a nuovi provvedimenti
Attualità Seregnese, 26 Giugno 2021 ore 14:19

Nuovi provvedimenti in arrivo a Cesano Maderno contro la movida selvaggia. E' determinato a prenderli il sindaco Maurilio Longhin dopo i controlli straordinari dei giorni scorsi: "Non mi fermo all'ordinaza anti-alcol", annuncia.

Movida selvaggia, nuovi provvedimenti

Il sindaco Longhin è determinato: "Non mi fermerò all'ordinanza di due settimane fa. Nei prossimi giorni andrò in Prefettura per un confronto con il prefetto su altri provvedimenti". Il primo cittadino parla dopo che, giovedì sera, quindici Carabinieri, tre agenti della Polizia Locale e due della Polizia Provinciale sono stati impegnati in un pattugliamento straordinario nelle zone calde della città. Quelle della movida estiva che, quest'anno forse come non mai, si trasforma in movida selvaggia.

Giro di vite sulla sosta selvaggia

Tra le 22.30 di giovedì e l'una di venerdì sono stati controllati sessanta persone e trentuno mezzi; dodici le sanzioni elevate per infrazioni al Codice della strada, tre per mancato rispetto della normativa anti-Covid. L'operazione è scattata alle 22.30, nella centralissima piazza Monsignor Arrigoni, dove sono state elevate sanzioni per divieto di sosta alle auto parcheggiate, in particolare, sullo spartitraffico centrale.

3 foto Sfoglia la gallery

Lanciate bottiglie all'indirizzo dei Carabinieri

Poi, verso le 23.30, i lampeggianti blu delle pattuglie hanno puntato piazza Facchetti: lo spiazzo che al venerdì mattina ospita le bancarelle del mercato era occupato da almeno duecento ragazzi, quasi tutti minorenni, intenti a bere alcolici e ad ascoltare musica ad alto, altissimo volume. All’arrivo di militari e agenti è scoppiato il fuggi fuggi generale. Momenti concitati, in cui qualcuno ha persino lanciato delle bottiglie di vetro all'indirizzo delle Forze dell'ordine. Due persone sono state fermate: una è stata identificata dai Carabinieri e rilasciata perché non coinvolta, l’altra è stata accompagnata alla Tenenza cittadina. Sull’episodio sono in corso accertamenti.

"Un grave problema sociale ed educativo"

"Siamo di fronte ad un grave e diffuso problema sociale ed educativo, che ha conseguenze pesanti sull’ordine pubblico – commenta il sindaco Maurilio Longhin - La situazione rimane delicata, ma la città è presidiata e i controlli sono costanti. A questo proposito voglio assicurare che l'Amministrazione c’è e ha al suo fianco la Polizia Locale, la Polizia Provinciale e i Carabinieri, che ringrazio per lo straordinario impegno, svolto con equilibrio e senso di responsabilità anche nei momenti più concitati".

 

Necrologie