Attualità
Monza

Potenziata la Radiologia Interventistica del San Gerardo

Installati due nuovi angiografi digitali flat-panel di ultima generazione presso il Blocco Angiografico della Radiologia

Potenziata la Radiologia Interventistica del San Gerardo
Attualità Monza, 06 Dicembre 2022 ore 15:13

È stata completata la sostituzione e l’installazione di due nuovi angiografi digitali flat-panel di ultima generazione presso il Blocco Angiografico della Radiologia dell’Ospedale San Gerardo di Monza, che vanno ad affiancarsi alla già esistente sala di ecografia interventistica, anch’essa recentemente dotata di un ecografo multifunzione ad alta tecnologia.

Nuovi angiografi all’Ospedale San Gerardo

Gli angiografi rappresentano quanto di più avanzato il mercato possa offrire: oltre a garantire più bassi livelli di emissione di dose di radiazioni, sono dotati di pacchetti software e di moduli rotazionali aggiornati (tecnica Cone Beam CT) in grado di elaborare le immagini acquisite e di ricostruirle in tempo reale in 3D e secondo
piani volumetrici simil-TAC, in modo da offrire una guida più precisa durante gli interventi radiologici più complessi senza la necessità di spostare il paziente.

Per cosa si utilizzano

Grazie al prezioso supporto dell’Ingegneria Clinica e della Fisica Sanitaria del nosocomio monzese, al primo angiografo entrato in funzione nel mese di luglio, si aggiunge ora il secondo: queste apparecchiature sono dedicate all’attività di angiografia e di radiologia interventistica, branca iperspecialistica della radiologia, che esegue, con la guida di imaging, interventi percutanei mininvasivi o con ridotta invasività in campo vascolare, extravascolare ed oncologico ossia senza la necessità di larghe incisioni ed aperture di cavità anatomiche tipiche della chirurgia, con conseguenti ridotti tempi di ricovero e minori costi rispetto al trattamento chirurgico standard.

Alcune di queste procedure vengono eseguite anche in regime di Day Hospital o Ambulatoriale Complessa come ad esempio embolizzazione del varicocele, anche femminile, trattamento del malfunzionamento delle fistole dialitiche, inserzione, rimozione o sostituzione di dispositivi medici.

I numeri della Radiologia Interventistica del San Gerardo

La Radiologia Interventistica dell’Ospedale San Gerardo di Monza - spiega il dott. Davide Leni neo responsabile della Struttura Semplice di Radiologia Interventistica - esegue più di 1.600 interventi all’anno (arteriografie/flebografie, embolizzazioni, angioplastiche, stenting, tromboaspirazioni, termoablazioni, vertebroplastiche, posizionamento/rimozione filtri cavali, drenaggi, port-a-cath...) e quasi 1.000 biopsie di organi superficiali e profondi (di cui circa 500 agoaspirati della tiroide in collaborazione con anatomia patologica) ponendosi ai vertici in ambito regionale lombardo e nazionale sia per volumi di attività che per complessità di interventi, rappresentando un centro di riferimento per tutto il territorio, anche per le situazioni di urgenza/emergenza, garantendo un servizio di pronta disponibilità H24, 365 giorni all’anno, ad esempio per i pazienti politraumatizzati e con emorragie interne che richiedono un pronto intervento endovascolare.

Nuovi strumenti per migliorare la capacità operatoria

L’aggiornamento e l’installazione di queste due nuove apparecchiature radiologiche migliora e potenzia ulteriormente la capacità operatoria e di qualità del Blocco Angiografico, all’interno del quale operano quotidianamente 4 medici radiologi dedicati in modo esclusivo alle attività interventistiche, oltre a personale infermieristico e tecnico sanitario di radiologia medica (TSRM) con specifico addestramento e competenze in ambito angiografico, in grado di partecipare attivamente alla realizzazione di innovative e più efficaci procedure interventistiche”.

Prosegue il progetto di continuo aggiornamento tecnologico della radiologia - conclude il dott. Rocco Corso, Direttore della Radiologia e radiologo interventista – con la concretizzazione di investimenti aziendali previsti negli obiettivi di sviluppo e programmati con il sostegno di Regione Lombardia, con lo scopo mettere a disposizione dei professionisti apparecchiature all’avanguardia al fine di offrire sempre più elevati standard qualitativi per la diagnosi e la cura dei pazienti”.

Seguici sui nostri canali
Necrologie