Attualità
La voce dei bambini

"Signor sindaco, sistemi il parco giochi": la lettera di Nicolas, 12 anni

Il ragazzino di Lentate aveva come compito estivo una lettera formale e ha pensato di indirizzarla al primo cittadino Laura Ferrari.

"Signor sindaco, sistemi il parco giochi": la lettera di Nicolas, 12 anni
Attualità Seregnese, 05 Agosto 2022 ore 07:42

Nicolas Ferreri, 12enne di Lentate, ha scritto una lettera al sindaco Laura Ferrari: "Sistemi il parco giochi".

A 12 anni scrive una lettera al sindaco di Lentate

Tra le varie consegne per i compiti delle vacanze estive aveva da scrivere una lettera formale e così, dopo aver riflettuto un po’, ha avuto un’intuizione: «Perché non indirizzarla al sindaco Laura Ferrari per esporle le problematiche del parco giochi di fronte a casa mia, dove mi ritrovo spesso coi miei amichetti?». E’ stato questo il pensiero che Nicolas Ferreri, 12enne che ha da poco concluso la 2E tempo prolungato alla scuola secondaria di primo grado Da Vinci, ha fatto prima di prendere carta e penna e di mettere nero su bianco le sue richieste, secondo le indicazioni avute a lezione dall’insegnante, in modo da scrivere una lettera formale rivolta al primo cittadino, con tanto di luogo e data.

La lettera-compito di Nicolas Ferreri

 

Giochi ammalorati e verde non curato: nella lettera le problematiche del parchetto

«Egregio sindaco Laura Ferrari, vorrei portarle all’attenzione diverse problematiche che ho riscontrato al parco giochi in via Achille Grandi», si legge nell’incipit dello scritto, che prosegue elencando quello che non va. «Il primo problema riguarda l’installazione dei nuovi tavoli per il ristoro. Gli elementi sono stati portati sul luogo, posizionati senza essere fissati e abbandonati a metà lavoro da più di un mese - scrive Nicolas dopo aver corretto una parte della frase precedente con il bianchetto, un dettaglio che rende proprio l’idea della lettera-compito - Questa situazione è sconveniente e pericolosa per tutti». Ma le criticità non sono finite. «Un altro elemento negativo è la scarsa manutenzione del resto del parco: panchine rotte, giochi fatiscenti e pericolosi per i bambini (carrucola), per non parlare della vegetazione non curata». Quindi la parte conclusiva, che termina con la sua firma: «Certo di una sua cortese risposta e attenzione ai problemi esposti, le porgo i miei più sinceri saluti. Il suo concittadino Ferreri Nicolas».

5 foto Sfoglia la gallery

La mamma: "Il legno della carrucola è marcio, è un pericolo per i bambini"

La lettera-compito è diventata presto di dominio pubblico, dopo che la mamma di Nicolas, Ylenia Buscato, l’ha pubblicata sui social. «Ho pensato che fosse un modo per attirare l’attenzione sulle problematiche del parchetto - spiega - Da tempo abbiamo segnalato che l’intervento di potatura ha escluso le tre piante i cui rami finiscono proprio nelle proprietà delle case e le foglie ostruiscono le canaline dell’acqua piovana». Passando a tavolini e panchine: «E’ un peccato che siano stati abbandonati lì, alcune persone anziane del quartiere si portano le sedie da casa». Mentre sui giochi: «Alcuni sono ammalorati, la carrucola è in pessime condizioni, il legno alla base è completamente marcio. Tutta la struttura è storta, rischia di crollare e se ci si appende tocca terra. Dobbiamo aspettare che qualche bimbo si faccia male per intervenire?».

Gli assessori: "Verificheremo e interverremo"

A rispondere sono gli assessori Matteo Turconi Sormani e Andrea Pegoraro, rispettivamente ai Lavori pubblici e al Decoro urbano: «La ditta che ha prodotto i tavolini doveva solo depositarli, l’installazione era a carico di un’altra azienda». Dopo la segnalazione di Nicolas, gli arredi sono stati posizionati: risolto, quindi, uno dei problemi segnalati. Per quanto riguarda le potature: «Abbiamo stanziato le somme il 21 luglio, ma questo intervento si può effettuare solo in autunno». Sui giochi ammalorati: «Verificheremo e nel caso interverremo».

Non è l'unico parco giochi a presentare dei problemi

Quello di via Achille Grandi non è l'unico parco giochi a presentare dei problemi. Nei giorni scorsi il Comune ha dato un ultimatum alla ditta che si doveva occupare della sistemazione di cinque aree verdi del territorio perché l'intervento non è stato effettuato come previsto e non è stato concluso.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie