Attualità
Desio

Un parco dedicato a Don Costante

Sabato 5 novembre si è tenuta la Messa al Santuario del Crocifisso e la benedizione nell’area verde di via Volta, in ricordo del «un prete vicino ai deboli e ai malati»

Un parco dedicato a Don Costante
Attualità Desiano, 10 Novembre 2022 ore 10:36

Il vescovo Luca Raimondi in città per celebrare, insieme a don Sandro Mottadelli, la Messa in memoria di don Costante Pastori e benedire il parco di via Volta, che sarà dedicato a lui. La funzione religiosa e l’intitolazione dell’area verde cittadina si sono svolte nella mattinata di sabato 5 novembre.

Il vescovo Luca Raimondi a Desio per ricordare don Costante

Il vescovo Luca Raimondi in città per celebrare, insieme a don Sandro Mottadelli, la Messa in memoria di don Costante Pastori e benedire il parco di via Volta, che sarà dedicato a lui. La funzione religiosa e l’intitolazione dell’area verde cittadina si sono svolte nella mattinata di sabato 5 novembre al Santuario del Santo Crocifisso, in via Lampugnani, di cui don Costante è stato responsabile per ben 21 anni, dal 1986 al 2007. "Un luogo a lui molto caro", come sottolineato anche dal vescovo Raimondi. Presenti, oltre al cospicuo numero di fedeli accorsi per onorare la memoria dell’amatissimo prete desiano, venuto a mancare nel 2007, anche il primo cittadino Simone Gargiulo e il vicesindaco Andrea Villa.

Le parole del vescovo Raimondi e del sindaco Simone Gargiulo

"Quando sono arrivato a Desio io e don Costante non ci siamo amati subito, lui era molto tradizionale, a differenza di me – ha raccontato il vescovo, che è vissuto in città dal 2000 al 2008 – Con il tempo, come ha ricordato anche recentemente Papa Francesco, abbiamo capito che le nostre differenti sensibilità erano in realtà un fattore di unione e da quel momento tra noi è nata una forte amicizia". Raimondi ha poi continuato: "Don Costante era una persona davvero straordinaria, amava cantare e soprattutto era profondamente dedito alla preghiera e credere nella potenza di questo strumento è l’omaggio più bello che noi possiamo fare oggi per ricordarlo". Ed è proprio così che la cittadinanza ricorda don Costante, come un sacerdote buono e paziente che, per tutti i suoi 22 anni di servizio in città, non ha mai avuto il desiderio di mettersi in mostra ma, al contrario, amava stare vicino ai più deboli, soprattutto ai malati, a cui era solito portare conforto, sia in ospedale che nelle loro case.  "Nonostante io non conoscessi personalmente don Costante, ho potuto rendermi conto, grazie alle parole del vescovo Raimondi, che è stato una bellissima persona. Lo ringrazio per essere stato presente qui con noi oggi – è intervenuto il sindaco – Ringrazio anche l’assessore Andrea Villa che ha voluto fortemente seguire in prima persona la richiesta d’intitolazione dell’area verde di via Volta. Senza il suo lavoro questo non sarebbe stato possibile".

Seguici sui nostri canali
Necrologie