Cronaca
Giussano

Alla guida sotto l'effetto di droga: fugge a tutta velocità sulla Statale. Inseguito e fermato

Denunciato un marocchino

Alla guida sotto l'effetto di droga:  fugge a tutta velocità sulla Statale. Inseguito e fermato
Cronaca Caratese, 29 Settembre 2022 ore 09:13

Ha cercato di sottrarsi al controllo  dei carabinieri,  fuggendo lungo la statale Milano Lecco e  dopo un lungo inseguimento, i militari  sono riusciti a fermare  la Bmw e a denunciare l'automobilista alla guida, un marocchino.

L'inseguimento  lungo la Statale 36

Nel tardo pomeriggio di ieri, mercoledì 28 settembre, verso le 18:30, una pattuglia dei carabinieri della stazione di Giussano, che si trovavano lungo la Statale 36 in direzione di Lecco, hanno notato una Bmw Serie 1 con a bordo tre soggetti di origine nordafricana che destavano sospetto.  Hanno intimato al conducente di accostare con l’esposizione della paletta segnaletica e l’attivazione del lampeggiante e della sirena,  ma l’uomo alla guida  ha reagito accelerando.  E' iniziata quindi una spericolata e pericolosa fuga, zigzagando tra le numerosissime auto che in quel momento percorrevano la superstrada.

La fuga a piedi

Dopo circa 10 km, all’altezza di Nibionno, con la Fiat Punto dell’Arma alle calcagna, la Bmw ha lasciato la Statale 36 per imboccare la rampa d’uscita e, poche centinaia di metri dopo, interrompere la corsa nell’adiacente area boschiva. Sceso dal mezzo insieme agli altri occupanti, il conducente ha tentato di darsi alla fuga tra la vegetazione, ma è stato bloccato dopo alcune centinaia di metri, mentre gli altri due invece hanno fatto perdere le loro tracce.

Fermato e denunciato

Fermato, l’uomo ha poi dichiarato che poco prima aveva assunto della cocaina. La successiva perquisizione personale e veicolare  non ha poi permesso di trovare alcuna sostanza e pertanto l’uomo, un 38enne marocchino di Bulciago, celibe nullafacente, incensurato, è stato denunciato all’autorità giudiziaria per resistenza a pubblico ufficiale e guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.
Seguici sui nostri canali
Necrologie