Il ricordo

Anche Cesano ricorda Philippe Daverio “Grande e instancabile divulgatore di cultura”

Il noto storico d'arte si è spento nella notte a 70 anni. 

Anche Cesano ricorda Philippe Daverio “Grande e instancabile divulgatore di cultura”
Seregnese, 02 Settembre 2020 ore 15:26

Anche Cesano ricorda Philippe Daverio “Grande e instancabile divulgatore di cultura”. Il noto storico d’arte si è spento nella notte a 70 anni.

Anche Cesano ricorda Philippe Daverio

A poche ore dalla notizia della morte di Philippe Daverio si susseguono sul web i ricordi di chi ha avuto l’opportunità di incontrare il noto storico dell’arte. Dopo il messaggio di cordoglio da parte dell’assessore alla Cultura di Arcore di questa mattina, nel primo pomeriggio di oggi anche l’Amministrazione comunale di Cesano Maderno ha voluto ricordarlo.

“Cesano Maderno ha avuto la fortuna di averlo ospite d’eccezione a Palazzo Arese Borromeo nel maggio 2019 in occasione della premiazione Le Reti del Cuore, iniziativa a lui cara di mecenatismo a tutela del nostro patrimonio artistico. La sua presenza nella nostra bellissima dimora storica – si legge in un post pubblicato sulla pagina Facebook del Comune – è stata significativa perché coerente con il suo impegno per far conoscere e amare l’Italia agli Italiani, anzitutto, e poi anche a tutto il mondo. Un intellettuale che sapeva parlare alle persone, che ci conquistava con la sua umanità, la sua ironia e la sua profonda conoscenza. Lo ricorderemo sempre con nostalgia e con affetto”.

Addio a Philippe Daverio, storico dell’arte, grande e instancabile divulgatore della nostra cultura. Cesano Maderno ha…

Pubblicato da Comune di Cesano Maderno su Mercoledì 2 settembre 2020

Lezione d’arte in chiesa a Brugherio

Daverio, sempre lo scorso anno, era stato invitato a Brugherio nell’ambito della mostra “Eximiae Devotionis” per una lezione d’arte all’interno della chiesa parrocchiale di San Bartolomeo.

TORNA ALLA HOME 

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia