movida

Biassono, guerra a vandali e maleducati

"Non voglio essere un “sindaco cattivo” ma credo che sia fondamentale garantire la vivibilità delle piazze intervenendo con rigore".

Biassono, guerra a vandali e maleducati
Caratese, 05 Ottobre 2020 ore 11:49
Guerra a vandali e maleducati a Biassono.

Guerra a vandali  e maleducati

Sabato sera il sindaco, Luciano Casiraghi, ha fatto un tour nei giardini pubblici del paese riscontrando tra i giovanissimi violazioni alle prescrizioni anti Covid-19 e mancato rispetto per il patrimonio pubblico. Il borgomastro ha allertato i Carabinieri e la Protezione civile per riportare ordine in paese.
“C’erano ragazzi ubriachi e bottiglie di birra e superalcolici ovunque – racconta rammaricato il sindaco – Quando siamo intervenuti c’è stato il fuggi fuggi e alcuni hanno lasciato sul posto anche i propri effetti personali. Poco dopo è tornata la mamma di una ragazzina minorenne a riprendere la borsa che la figlia aveva lasciato ai giardini pubblici e si è pure lamentata perché abbiamo interrotto una festa di compleanno. Non è giusto che un genitore difenda il proprio figlio in una situazione del genere in cui c’erano minori in stato di ebbrezza alcolica e senza mascherina. Tra l’altro senza alcun rispetto per la “cosa” pubblica visto che hanno lasciato rifiuti ovunque. Li ho obbligati a pulire”.

Stretta alla movida

“Guerra aperta ai maleducati del sabato sera che sporcano, si ubriacano, disturbano, provocano danni nelle nostre belle piazze – spiega Casiraghi – Troppi incivili e niente rispetto per l’arredo pubblico. Vorrei dare una stretta alla “movida” maleducata che sempre più, ultimamente, crea situazioni imbarazzanti e non dà una bella immagine ai residenti delle stesse piazze. Le piazze del paese vanno salvaguardate dagli eccessi di tanti facinorosi che non sono capaci di divertirsi in modo civile. D’ora in avanti tolleranza zero nei confronti di vandali e dei maleducati. Poi, allo studio, c’è la possibilità di vietare con un’apposita ordinanza la somministrazione di alcolici dopo le 23 oltre a una intensificazione dei controlli delle Forze dell’Ordine. Non voglio essere un “sindaco cattivo” ma credo che sia fondamentale garantire la vivibilità delle piazze intervenendo con rigore. Come Amministrazione non siamo contrari alla questione movida, interverremo con gli strumenti che la legge ci mette a disposizione. Non possiamo però supplire alla mancanza d’educazione, all’assenza delle famiglie come alla disobbedienza dei figli, alla mancanza di senso civico: risponderemo con i dovuti provvedimenti”.
Il servizio anche sul Giornale di Carate in edicola da domani martedì 6 ottobre 2020.
3 foto Sfoglia la gallery
TORNA ALLA HOME
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia