Condannato per stalking il lissonese che minacciò di darsi fuoco

Un anno e 10 mesi senza condizionale.

Condannato per stalking il lissonese che minacciò di darsi fuoco
Monza, 30 Novembre 2018 ore 14:05

Condannato per stalking il lissonese che minacciò di darsi fuoco.  Era stato arrestato sotto la casa della ex nell’agosto scorso.

Condannato per stalking

Il Tribunale di Monza ha condannato a un anno e 10 mesi di reclusione, senza condizionale, il 52enne di Lissone che era stato arrestato con l’accusa di stalking nell’agosto scorso. Era stato sorpreso sotto la casa della ex, a Lissone, che continuava a perseguitare nonostante lei l’avesse prima supplicato di lasciarlo in pace e poi denunciato alle Forze dell’Ordine.

Aveva tentato di darsi fuoco

Due mesi prima dell’arresto, nel giugno scorso, l’uomo nel tentativo di riconquistare la ex compagna, inserviente al San Gerardo, si era barricato al Pronto soccorso dell’ospedale minacciando di darsi fuoco. Solo dopo oltre tre  ore di trattative, con il Ps ovviamente interdetto al pubblico, il 52enne aveva desistito dai suoi propositi ed era stato quindi ricoverato per un Tso, un Trattamento sanitario obbligatorio. Come detto, però, neanche quello era servito a tenerlo lontano dalla sua ex compagna, fino all’arresto di giugno e alla condanna della scorsa settimana.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia