Lutto

Coronavirus, Carate Brianza piange l’ex pizzaiolo

Roberto Marin, 73 anni, aveva aperto nel 1992 la pizzeria Take Away in via San Giuseppe diventata nel tempo un punto di riferimento per tantissimi clienti in città.

Coronavirus, Carate Brianza piange l’ex pizzaiolo
Caratese, 20 Maggio 2020 ore 12:57

Carate Brianza piange l’ex titolare della pizzeria Take Away morto per coronavirus.

Stroncato dal coronavirus

Il profumo e il gusto inconfondibili delle pizze al trancio che sfornava quotidianamente avevano conquistato da subito il palato di tantissimi a Carate Brianza. Ma ad essere inconfondibili erano state anche la sua cordialità e la sua gentilezza nei confronti degli affezionati clienti.
Un addio commosso quello a Roberto Marin, 73 anni, ex titolare e fondatore della pizzeria «Take away» di via San Giuseppe, in pieno centro città.

L’attività a Carate aperta nel 1922

L’imprenditore, che abitava a Seregno, è morto vittima del contagio da coronavirus, che non gli ha lasciato scampo. Marin aveva aperto la sua attività a Carate il primo maggio del 1992 passando poi la gestione ad Alex Negrini nel 2014, per godersi la meritata pensione. Nel 2012 era stato premiato come artigiano storico dall’Unione artigiani della provincia di Milano, per i vent’anni di attività.
I suoi ex dipendenti oggi lo ricordano più come un amico, un punto di riferimento, che come un «capo» o un «datore di lavoro».
«Ci ha insegnato prima di tutto il valore dell’impegno per il lavoro senza tralasciare il lato umano, quello che “il Marin”, come lo chiamavano tutti con affetto, ha sempre messo in primo piano, anche dopo la pensione. Chiunque abbia avuto a che fare con lui, i suoi clienti affezionati, i suoi colleghi, conserveranno un ricordo indelebile, di un uomo dai modi garbati e di grande sensibilità», dicono i suoi collaboratori, Alex Negrini, Elia Cicero, Chiara Colombo, Elizabeth Tornaghi e Ilenia Volpe.
Marin ha lasciato la moglie Ines e due figli Altea e Daniele.

TORNA ALLA HOME.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia