Coronavirus, sopralluogo di sindaco e assessore in supermercati, poste e stazione

Emergenza coronavirus, il sindaco Dario Allevi e l'assessore alla Sicurezza, Federico Arena, hanno effettuato diversi sopralluoghi questa mattina

Coronavirus, sopralluogo di sindaco e assessore in supermercati, poste e stazione
Monza, 01 Aprile 2020 ore 16:43

Emergenza coronavirus, il sindaco di Monza, Dario Allevi e l’assessore alla Sicurezza, Federico Arena, hanno effettuato diversi sopralluoghi questa mattina, mercoledì 1 aprile 2020. Assieme a loro il comandante della Polizia locale, Pietro Curcio. Sotto la lente dell’Amministrazione comunale e del Comando di via Marsala la situazione dentro e fuori supermercati, poste e stazione.

Sindaco, assessore e Polizia locale: mattinata di sopralluogo

Ironia del destino, proprio nel giorno in cui ricorre il 152° anniversario della Polizia locale di Monza, invece che nelle cerimonie ufficiali saltate per i restringimenti e le misure di sicurezza, legate all’emergenza del Covid 19, sindaco, assessore, comandante e alcuni agenti sono stati impegnati a monitorare diverse zone della città che, proprio a fronte della situazione di queste settimane, avrebbero potuto rivelarsi critiche: nella fattispecie, i supermercati, ma anche gli uffici postali (alla sede centrale di corso Milano erano stati segnalati code e disagi), la stazione e alcune zone del quartiere San Rocco da dove nei giorni scorsi era arrivata voce di assembramenti di persone.

Emergenza coronavirus, il report

L’obiettivo era evidentemente monitorare il rispetto delle distanze in luoghi potenzialmente affollati e scongiurare eventuali tensioni tra clienti in coda e comunque sensibilizzare al rispetto delle indicazioni date per evitare qualsiasi possibilità di contagio da coronavirus o evitare il verificarsi di situazioni a rischio. Una serie di sopralluoghi che hanno dato tutti l’esito sperato: la situazione è infatti apparsa in generale sotto controllo e i cittadini si sono dimostrati piuttosto disciplinati e collaborativi.

Code ai supermercati, le proposte della Lega

Proprio sulla situazione dentro e fuori i supermercati, settimana scorsa il gruppo consiliare della Lega ha avanzato alcune proposte: “Spesso è impossibile prenotarsi per la consegna a domicilio – ha osservato il capogruppo Cesare Gariboldi – Una situazione critica proprio la possibilità che si creino assembramenti”. Il Carroccio ha auspicato allora che i punti vendita della media e grande distribuzione potenzino e implementino gli orari dei servizi, come ad esempio la possibilità di prenotare la spesa o ritirarla senza scendere dall’auto. “Altri Comuni – ha aggiunto Gariboldi – hanno poi consentito la spesa una volta a settimana in ordine alfabetico, si potrebbero studiare soluzioni simili”. E anche il Grande Nord attraverso Alberto Mariani aveva chiesto un monitoraggio sul commercio in città.

Coronavirus, le altre azioni del Comune

Il Comune ha intanto provveduto ad aggiornare la mappa dei servizi garantiti dagli uffici municipali, mentre sempre in tema di sopralluoghi, nella mattinata di ieri l’assessore alla Sicurezza, Federico Arena aveva fatto visita alla sede della Protezione civile dove un consorzio di ristoratori, la curva del Monza Calcio, Bran.Co e la stessa Protezione civile del Comune sono impegnati ormai da giorni nella preparazione e consegna di pasti caldi a medici e infermieri.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia