Il sito di Agrate non chiude

Coronavirus: Stmicroelectronics, firmato un accordo per la riduzione del lavoro

Sottoscritto dalle principali sigle sindacali. Non da Usb che continua a chiedere la chiusura totale

Coronavirus: Stmicroelectronics, firmato un accordo per la riduzione del lavoro
Vimercatese, 12 Marzo 2020 ore 18:44

Coronavirus: Stmicroelectronics, firmato un accordo per la riduzione del lavoro. Nelle stesse ore in cui il sindacato Usb chiede a gran voce la chiusura del sito produttivo di Agrate dove lavorano 5mila persone e dove si sono verificati i primi casi di positività da Coronavirus, le altre sigle sindacali (Fiom Cgil e Fim Cisl) hanno firmato un accordo con l’azienda che non prevede la chiusura, ma una sensibile riduzione della presenza in azienda dei lavoratori.

Smart working e riduzione della forza lavoro in azienda

L’accordo prevede in sostanza lo smart working per tutti coloro che lavorano negli uffici. Ridotti al minimo anche gli impiegati che gestiscono i reparti. Infine, riduzione (con il meccanismo della rotazione) di un terzo della forza lavoro impiegata nella produzione. Chi resterà a casa potrà godere di permessi retribuiti al 100%.

Comunicazione al sindaco di Agrate

Questo è quanto le principali sigle sindacali hanno comunicato poco fa anche al sindaco di Agrate Simone Sironi.

Sindaco che nella mattinata di oggi aveva incontrato anche una delegazione del sindacato Usb, che non ha firmato l’accordo e che continua a chiedere la chiusura totale del sito di Agrate.

“Comprendo la preoccupazione”

“Comprendo la preoccupazione – ha commentato il sindaco Sironi – L’accordo raggiunto mi sembra un buon compromesso tra la necessità di tutelare il più possibile i lavoratori e la prosecuzione dell’attività, sulla scorta per altro di quanto prescrive il nuovo Decreto della presidenza del Consiglio dei Ministri”.

La soddisfazione di Cgil e Cisl

“In questo periodo straordinario in cui le aziende mandano a casa la gente con cassa integrazione abbiamo ottenuto un risultato importantissimo – si legge in un comunicato congiunto diffuso da Fiom Cgil e Fim Cisl  – che riduce pesantemente la presenza in azienda dei lavoratori garantendo al massimo il salario di tutti”.

Torna alla home.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia