Cronaca
Occasione sprecata

Estorceva soldi ai genitori, dopo una settimana ai domiciliari torna in carcere

Il 28enne di Seveso era stato messo ai domiciliari da pochi giorni, ma è evaso e per lui si sono riaperte le porte della casa circondariale di Monza

Estorceva soldi ai genitori, dopo una settimana ai domiciliari torna in carcere
Cronaca Seregnese, 28 Maggio 2022 ore 08:36

La "libertà" dal carcere è durata solo una settimana perché il 28enne violento arrestato perché estorceva soldi ai genitori, ha violato gli arresti domiciliari e per lui si sono riaperte le porte della casa circondariale

Torna in carcere il giovane che estorceva soldi ai genitori

All’inizio di febbraio, al termine di un’attività di indagine, i carabinieri di Seveso avevano arrestato un 28enne ritenuto responsabile dei reati di maltrattamenti contro familiari o conviventi ed estorsione perpetrati da maggio 2020  nei confronti del padre 71enne, della madre 73enne e della sorella 31enne.

La scorsa settimana il giovane era  riuscito a uscire dal carcere ottenendo il beneficio di passare agli arresti domiciliari. Ma, dopo solo due giorni, verso le 22, i militari della stazione di Seveso, durante un controllo del rispetto della permanenza a casa, dopo aver più e più volte citofonato al campanello dell’abitazione senza avere alcuna risposta (per oltre 10’), hanno segnalato la sua assenza all’autorità giudiziaria proponendo l’aggravamento della misura cautelare e il ritorno in carcere dell’indagato.

Il gip di Monza ha ritenuto che l’imputato abbia gravemente frustrato le esigenze di controllo e abbia sin dall'inizio dimostrato una preoccupante incapacità autocustodiale tenendo un comportamento che desta grave allarme sociale. Il Gip di Monza quindi, considerato l’indagato un soggetto particolarmente incline alla recidiva e totalmente refrattario all’efficacia dissuasiva della misura cautelare in atto applicata, ha disposto il ritorno in carcere

I carabinieri di Seveso hanno quindi rintracciato l’uomo e lo hanno nuovamente arrestato per poi accompagnarlo e farlo rientrare, dopo soli sette giorni dall’uscita, nel carcere di Monza.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie